Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Lunedì 17 Novembre 2014

Il Bisonte è ancora a caccia della prima vittoria in A1 della propria storia: ieri, contro la Foppapedretti Bergamo, le azzurrine se la sono giocata alla pari per due set e mezzo, poi hanno accusato un piccolo calo che, unito alla continuità delle bergamasche trascinate da Plak e Loda, ha portato all’1-3 finale. Nessuna preoccupazione comunque: oggi si torna già in palestra per preparare la trasferta di mercoledì sera contro la Pomì Casalmaggiore, con moderato ottimismo anche rileggendo le parole dei protagonisti, la palleggiatrice Giorgia Vingaretti e il secondo allenatore Giampiero Gentile.

GIORGIA VINGARETTI – “Stiamo lavorando, e sono sicurissima che prima o poi arriveremo a fare ancora di più: siamo una squadra neopromossa, che ha come obiettivo quello di fare il meglio che può, e in questo senso il punto di Novara è stato un ottimo risultato, e anche con Conegliano abbiamo giocato molto bene. Con Bergamo purtroppo abbiamo avuto un po’ di alti e bassi, ma complessivamente credo che il bilancio delle prime tre giornate sia buono. Siamo una squadra completamente rivoluzionata, per cui è normale per noi palleggiatrici che ancora non ci sia un feeling completo con tutti gli attaccanti, ma abbiamo piena fiducia nella Petrucci, che è bravissima, e ci manca davvero poco per avere un buon feeling con tutti: prima o poi ci arriviamo, promesso! Ho ringraziato la tifoseria di Bergamo per lo striscione per Wanny: non è scontato un gesto come questo. Noi siamo molto vicine a Wanny e sapere che ha lasciato qualcosa anche fuori dalla nostra squadra e che tutti lo stanno aspettando ci fa tanto piacere”.

GIAMPIERO GENTILE – “Purtroppo dopo il secondo set sono venute meno un po’ le basi: abbiamo cominciato a battere male e a giocare palle facili, ed è chiaro che poi diventa difficile rimediare in difesa e arrivare a muro. C’è un po’ di rammarico, anche rispetto alle altre gare giocate, perché avevamo cominciato bene e nonostante un ritmo non brillantissimo eravamo riuscite a giocarcela fondamentalmente in tutti i set. Poi purtroppo abbiamo staccato la spina: bisognerà capire dove lavorare e rimettere a posto un po’ di cose per dare continuità al nostro gioco. Quando non si riesce a mettere in condizione la palleggiatrice di esprimere il gioco come vuole, soprattutto quando di là ci sono stature importanti, non è facile riuscire a rimediare a palle imprecise e trovare continuità in attacco. Sapevamo che il calendario era complicato, perchè abbiamo incontrato tre tra le squadre più forti del campionato, quindi il punto di Novara ci ha regalato un grande sorriso, che la prestazione contro Bergamo forse ci ha un po’ tolto. Ora però bisogna ripartire subito con il piede giusto, perché la prossima trasferta è vicinissima”.

TV – Le interviste saranno visibili su Antenna 5 (canale 72 del Digitale Terrestre) all’interno del tg delle 19.40, a cui seguirà, dalle 20, la differita della partita fra Il Bisonte e Foppapedretti.