Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sabato 28 Marzo 2015

IL BISONTE FIRENZE 1

UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO 3

 

IL BISONTE FIRENZE: Mastrodicasa 7, Petrucci 1, Liliom ne, Turlea 12, Negrini 7, Poggi, Pascucci 7, Parrocchiale (L1) 1, Savelli (L2), Pietrelli 2, Calloni 11, Bertone ne, Vingaretti 2. All. Vannini.

UNENDO YAMAMAY BUSTO ARSIZIO: Lyubushkina 7, Degradi 16, Michel 1, Leonardi (L), Marcon, Perry 14, Aelbrecht 1, Camera 1, Diouf 11, Wolosz 2, Havelkova 14, Pisani 2. All. Parisi.

Arbitri: Luciani – Turtù.

Parziali: 18-25, 25-17, 16-25, 15-25.

Note – durata set: 22’, 25’, 25’, 19’; muri punto: Il Bisonte 7, Yamamay 6; ace: Il Bisonte 0, Yamamay 6; spettatori totali: 1800.

Il Bisonte Firenze chiude il campionato con una sconfitta, ma Francesca Vannini aveva chiesto alla squadra di divertirsi e divertire, e il compito, contro una big come la Unendo Yamamay Busto Arsizio, è stato portato a termine a pieni voti. In un PalaFrancioli di Colle di Val d’Elsa gremito all’inverosimile, con più di 1800 persone venute a seguire l’ultima esibizione della stagione delle bisontine, Mastrodicasa e compagne non hanno tradito le attese, affrontando a visto aperto una squadra che la settimana prossima giocherà la final four di Champions League e trascinando tutto il pubblico, compresi anche i cento rumorosissimi tifosi delle Farfalle, in un’atmosfera di giusta festa per la grande stagione disputata. E i primi due set sono stati anche equilibrati, ma poi quando Busto ha accelerato, per una Firenze pur orgogliosissima non c’è stato nulla da fare, e Francesca Vannini ha dato giustamente spazio anche a chi ha giocato meno durante l’anno, concedendo poi l’esordio in serie A1 ad Adele Poggi e a Letizia Savelli, fino all’invasione di campo finale e al lungo applauso tributato a una squadra che al suo primo anno di A1 si è subito tolta diverse soddisfazioni, a partire dall’obiettivo salvezza raggiunto con tre gare d’anticipo.

Francesca Vannini sceglie Petrucci in palleggio, con Turlea opposto, Negrini e Pietrelli in banda, Mastrodicasa e Calloni centrali e Parrocchiale libero. Parisi risparmia Marcon e risponde con Wolosz in palleggio, Diouf opposto, Havelkova e Degradi schiacciatrici laterali, Pisani e Lyubushkina al centro e Leonardi libero.

In un PalaFrancioli infuocato, è Valentina Diouf a partire fortissimo, firmando subito quattro punti per il 4-6: Busto attacca con percentuali altissime, e Havelkova regala il primo allungo (6-10), seguita poi da una Degradi schierata a sorpresa ma immarcabile (10-16). Sul 12-20 Vannini cambia la regia con Vingaretti per Petrucci, e Il Bisonte prova la rimonta, segnando anche un punto con il libero Parrocchiale grazie a una super difesa finita dall’altra parte della rete (16-21), ma poi la Yama riparte e chiude 18-25 con un fallo di seconda linea di Turlea.

Nel secondo ci sono Pascucci e Vingaretti per Pietrelli e Petrucci da una parte e Aelbrecht per Pisani dall’altra. Calloni e Turlea sono le protagoniste del primo allungo fiorentino (5-3), un muro di Pascucci vale il 7-4, poi sul 9-8 Diouf, dopo un attacco, accusa un lieve malore, che la costringe alle cure dei medici: grandi applausi per l’azzurra, che viene portata in infermeria (per poi tornare in panchina poco dopo) e doppio cambio con Perry e Camera per Wolosz e Diouf. Busto sorpassa con un ace di Aelbrecht (10-11), ma poi arriva la reazione super de Il Bisonte che sfrutta una grande Pascucci e un muro di Mastrodicasa per risalire 18-13. Parisi inserisce Marcon per Degradi, ma Firenze è in trance agonistica e un muro di Negrini vale il 25-17.

Nel terzo c’è ancora Perry per Diouf, e l’americana spinge forte in attacco (3-6). Firenze però inscena subito una super rimonta con Turlea (9-9) e sull’11-11 un attacco di Calloni finisce sul volto di Pisani: nulla di grave, ma anche la centrale deve lasciare il campo a Michel. Si gioca punto a punto fino al 15-15, poi Busto allunga e sul 15-18 Vannini concede il debutto in A1 per Adele Poggi al posto di Negrini, ma le ospiti sono inesorabili e chiudono con Havelkova (16-25).

Nel quarto nella Yamamay c’è Camera per Wolosz, e le ospiti provano a dilagare, soprattutto con la loro battuta che mette in difficoltà la ricezione di Firenze (4-10). Coach Vannini fa esordire in A1 anche il libero Letizia Savelli, e l’orgoglio alle bisontine non manca, ma Busto Arsizio non molla di un centimetro e alla fine fa festa con il 15-25 finale.