Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sabato 25 Gennaio 2014

Ora che la prima metà della stagione è stata superata, comincia il compito più arduo per Il Bisonte San Casciano, perché non sarà semplice ripetere quanto fatto fino al giro di boa, con il secondo posto nella Master Group Sport Volley Cup di A2 a due punti dalla capolista Montichiari e la semifinale raggiunta in Coppa Italia. Come si dice spesso nello sport, il difficile non è arrivare in alto, ma rimanerci, anche se per ora le azzurrine hanno dimostrato di saperci stare, e bene, visto che praticamente dalla seconda giornata stazionano nelle posizioni di vertice della classifica. Non dalla prima, quando la Beng Rovigo sorprese tutti venendo a vincere al tie break al PalaMontopolo, prima e unica squadra e esserci riuscita in questa stagione in campionato. Da lì in poi le venete hanno in realtà dimostrato di non essere per niente una sorpresa, tanto da aver concluso l’andata al quinto posto, ma anche Il Bisonte si è subito ripreso, risalendo rapidamente la china. E domani c’è l’occasione di vendicarsi di quel debutto amaro: alle 18 la prima giornata di ritorno propone proprio la trasferta al Palasport di Rovigo, per ora violato solo dal Soverato. La voglia di rivincita è tanta, ma anche la consapevolezza che non sarà una partita semplice: la Beng ha dimostrato di avere pochi punti deboli, e di poggiare, un po’ come Il Bisonte, sia su un opposto pericoloso come Agostinetto che su due centrali efficienti e fortissime a muro come Brusegan e Nardini. Francesca Vannini ha comunque tutto il gruppo a disposizione, anche se è nel bel mezzo di un periodo in cui c’è poco tempo per allenarsi: fra campionato e coppa, quella di domani sarà la terza gara in una settimana, alla quale ne seguiranno altre quattro nei successivi quattordici giorni.

LE PAROLE DI FRANCESCA VANNINI – “Dobbiamo abituarci a giocare così spesso, perchè noi forse non lo siamo: è un ritmo da coppe europee, e quindi serve un salto di qualità anche da questo punto di vista. Giochiamo molto e ci alleniamo poco, e per una squadra giovane non è una cosa positiva, ma questo è il calendario e quindi dobbiamo imparare a gestirci: è un tour de force intenso, perché abbiamo anche un sacco di trasferte e di partite difficili, ma alla fine potremo vedere di che pasta siamo fatti. Rovigo è una squadra che gioca molto bene, come dimostrano l’andata e la classifica: loro sbagliano poco, sono molto ordinate e hanno due centrali davvero brave, ma al di là dei nomi è una squadra molto compatta, e questo conta, perchè hanno trovato la giusta alchimia”.

LE AVVERSARIE – La Beng Rovigo di coach Stefano Ferrari dovrebbe schierarsi con il solito collaudato sestetto, con la ex Elisa Peluso in regia, Marta Agostinetto opposto, Daniela Nardini e Roberta Brusegan al centro e Laura Crepaldi e Stefania Pistolato in banda. Nel ruolo di libero ultimamente si alterano fra difesa e ricezione Carlotta Cervella e Veronica Giacomel, mentre in posto quattro spesso trova spazio anche Jasmine Rossini.