Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Giovedì 21 Settembre 2017

Prosegue il percorso di preparazione de Il Bisonte Firenze al suo quarto campionato consecutivo di serie A1. Oggi la squadra di Marco Bracci ha mostrato ulteriori segnali di crescita nel suo secondo allenamento congiunto stagionale, giocato al palasport di Barberino di Mugello contro l’Empoli Pallavolo della ex bisontina Adele Poggi neopromosso in serie B1, in una serata organizzata dalla Barberino Pallavolo. Più di cento spettatori, compresa una rumorosissima delegazione di ragazze del vivaio della società mugellana, hanno assistito al test, segno che Il Bisonte sta diventando un punto di riferimento anche per gli appassionati dell’hinterland fiorentino: ancora una volta coach Bracci ha dovuto fare a meno delle sei nazionali (Sorokaite, Parrocchiale, Tirozzi, Miloš Prokopić, Tapp e Santana) e di Di Iulio (sempre a riposo precauzionale), e ha quindi ruotato le quattro giocatrici della prima squadra (Bechis, Bonciani, Pietrelli e Alberti) e le sette giovani del consorzio Volley Art Toscana (Bassilichi, De Stefano, Renucci, Romanelli, Mezzedimi, Dos Reis e Mariotti). L’allenamento congiunto si è sviluppato su cinque set, di cui quattro giocati con punteggio canonico, ma con due punti assegnati ad ogni rotazione, e uno tradizionale: l’Empoli ha vinto il primo per 19-25, poi Il Bisonte si è imposto nei successivi tre per 25-22, 27-25 e 25-20, mentre le empolesi hanno conquistato l’ultimo per 14-25.

LE PAROLE DI MARCO BRACCI – “Intanto vogliamo ringraziare Empoli per aver accettato di disputare un allenamento congiunto con noi, e poi anche il Barberino: abbiamo giocato di fronte a un pubblico numeroso, ed è stato piacevole. Sono contento per come ho visto le ragazze muoversi in campo: l’intesa fra le palleggiatrici, Alberti e Pietrelli cresce ogni giorno che passa, e le giovani si sono ben comportate. Adesso aspettiamo la prossima settimana, quando ci potremo allenare con due giocatrici in più come Santana e Tapp, e da lì cercheremo di migliorare ulteriormente”.