Dopo la sconfitta subita a Monza ed il successivo riposo dovuto all’anticipo della gara con Conegliano, Il Bisonte Firenze causa covid-19 non ha più giocato gare di campionato.

L’ultimo match disputato risale al 30 Dicembre 2021 serata nella quale le ragazze di Bellano hanno affrontato in trasferta la Igor Gorgonzola Novara di Lavarini nei quarti di finale di Coppa Italia Frecciarossa, senza poter contare sull’apporto del libero Panetoni, della centrale Graziani e dell’opposta Nwakalor.

Il Bisonte Firenze, seppur non ancora al completo, torna finalmente in campo ed è pronto per affrontare la trasferta a Trento per la gara che vale la terza giornata del girone di ritorno in programma per Sabato ore 20.00 al Pala Trento (BG).

L’unico ex della sfida è l’allenatore della Delta Despar Matteo Bertini, che guidò Il Bisonte nella stagione 2011/12, quella della promozione dalla B1 alla A2, venendo però sostituito da Francesca Vannini a cinque giornate dalla fine. 

I precedenti fra le due squadre invece sono sette, fra B1 e A1, con un bilancio di sei vittorie per Il Bisonte e una per Trentino (3-0 a Trento il 22 novembre 2008, in B1).

La partita fra la Delta Despar Trentino e Il Bisonte Firenze sarà trasmessa in diretta streaming, in esclusiva e in alta definizione, su VBTV, la nuova casa della pallavolo italiana previa sottoscrizione di un abbonamento sul sito https://www.volleyballworld.tv/home

 

LE PAROLE DI MASSIMO BELLANO- “Gli aspetti da valutare sono diversi. Il primo è che speriamo di tornare finalmente a giocare dopo un lungo periodo di inattività perché nell'ultimo periodo non c'è solo la gara giocata a Novara ma dal rinvio di Bergamo in avanti è passato un mese e mezzo dove abbiamo giocato una sola partita, speriamo con Sabato di riprendere un percorso e portarlo avanti un po' di tempo.

La prima difficoltà legata a questa gara è sicuramente di questa natura poi c'è una formazione di Trento che anche nella partita di Cuneo ha dimostrato di essere una buonissima squadra ad organico completo e quindi ci saranno le difficoltà legate a loro, al loro modello di gioco ed all'ottimo utilizzo che fanno del servizio riuscendo ad essere molto aggressivi e sbagliando poco.

Questi aspetti renderanno la partita ancora più insidiosa, noi nel frattempo stiamo cercando di ricrearci un ritmo ed un assetto di gioco tali da permetterci di riprendere il percorso da dove l'avevamo interrotto.”

SOROKAITE NON E' PIU' UNA BISONTINA
IL BISONTE SI AFFIDA ALLE MANI DI CARLOTTA CAMBI