Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Mercoledì 11 Febbraio 2015

Archiviata la sconfitta esterna contro la Liu-Jo Modena seconda in classifica, Il Bisonte Firenze è adesso entrato in una delle settimane più importanti della sua prima stagione in A1: ieri sera la squadra si è ritrovata al PalaMontopolo di San Casciano per cominciare a preparare la partita di domenica al Mandela Forum contro la Volley 2002 Forlì, che potrebbe essere decisiva, in caso di vittoria piena, per chiudere quasi definitivamente il discorso salvezza.

Intanto, dopo la sedicesima giornata di serie A1 (e in attesa del recupero fra Urbino e Busto Arsizio), le statistiche di squadra dicono che Il Bisonte Firenze è dodicesimo e ultimo per numero di ace (28), in una classifica guidata da Casalmaggiore con 87, e ottavo per numero di muri (137), in una classifica guidata da Conegliano con 173. A livello individuale Carmen Turlea è la giocatrice più prolifica de Il Bisonte con 252 punti, ottava in una classifica generale guidata da Samanta Fabris di Modena (332), seguita da Neriman Ozsoy di Conegliano, seconda con 298, e da Berenika Tomsia di Montichiari, terza con 287. La seconda realizzatrice de Il Bisonte è Chiara Negrini, venticinquesima con 173 punti, mentre la centrale più prolifica fra le azzurrine è Raffaella Calloni, trentesima generale con 163 punti e quinta 'cannoniera' nel suo ruolo in una classifica guidata da Simona Gioli di Montichiari con 187. La Gioli è in testa anche alla classifica dei muri vincenti, con 53, con Raffa Calloni che adesso è terza con 51 e ovviamente prima fra le azzurrine. Valentina Tirozzi e Marika Bianchini di Casalmaggiore sono invece in testa a pari merito alla speciale classifica degli ace con 23, con Rita Liliom che è ventisettesima con 7 e prima de Il Bisonte. A livello di coppie di centrali, quella de Il Bisonte (Bertone e Calloni) è all'ottavo posto per punti realizzati (242), in una graduatoria guidata da quella di Casalmaggiore (Stevanovic-Gibbemeyer) con 317, davanti a quella di Novara (Chirichella-Guiggi), seconda con 277, e a quella di Busto Arsizio (Lyubushkina-Michel), terza con 275.