Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Mercoledì 12 Ottobre 2016

A pochi giorni dal via del campionato di serie A1, Il Bisonte Firenze ufficializza un ultimo importantissimo colpo di mercato. Alla corte di Marco Bracci arriva la schiacciatrice Odina Bayramova, capitana della nazionale dell’Azerbaigian proveniente dalla squadra turca dell’Halkbank Ankara, con cui ha rescisso qualche giorno fa prima dell’inizio della stagione. Classe 1990, uzbeka di nascita ma naturalizzata azera, Odina (Aliyeva da nubile e poi Bayramova a seguito del matrimonio col pallavolista azero Vugar Bayramov), va ad aggiungere la sua potenza e la sua qualità in ricezione al reparto delle attaccanti de Il Bisonte, oltre all’esperienza che le deriva dai tanti campionati di alto livello disputati in Azerbaigian e dalle importanti competizioni giocate con la propria nazionale. Già da domani Bayramova sarà a disposizione di Bracci per gli ultimi allenamenti in vista della trasferta di Bergamo.

LA CARRIERA – Odina Bayramova nasce a Navoiy, in Uzbekistan, il 22 maggio 1990, e debutta nel massimo campionato dell’Azerbaigian nel 2010, con la maglia del Sahdag Sirvan, per poi trasferirsi a stagione in corso nel VK Baku. Nel 2011 firma con l’Azerrail Baku, con il quale partecipa anche alla Champions League spingendosi fino ai quarti di finale, e contemporaneamente esordisce nella nazionale azera, venendo subito convocata per il campionato europeo. Nel 2012 passa all’Azeryol Baku, in cui rimane tre stagioni conquistando un secondo posto nella Superliga Azera e una semifinale di Coppa Cev, mentre nel 2015 torna all’Azerrail, vincendo il campionato e venendo premiata come MVP delle finali e miglior ricevitrice del torneo. Nell’estate del 2016 decide di uscire per la prima volta dall’Azerbaigian e si trasferisce in Turchia, all’Halkbank Ankara, ma prima dell’inizio del campionato rescinde il contratto e si accasa a Il Bisonte. Con la nazionale, oltre all’Europeo del 2011, ha partecipato anche a quelli del 2013 e del 2015 e al mondiale italiano del 2014, e recentemente ha vinto da capitano l’European League del 2016.