Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Mercoledì 3 Settembre 2014

E’ cominciata ufficialmente oggi, con il raduno e il primo allenamento al PalaMontopolo di San Casciano, la stagione 2014/15 de Il Bisonte Firenze. Di fronte a una cinquantina di Pellicani Feroci, che non hanno voluto far mancare il loro affetto e il loro saluto, e all’immancabile presenza del patron Wanny Di Filippo, la squadra si è ritrovata nella sua sede logistica alle 18 in punto, e dopo le presentazioni con lo staff tecnico e quello dirigenziale e i discorsi di rito del presidente Elio Sità e dell’allenatrice Francesca Vannini, le dodici giocatrici (mancava Federica Mastrodicasa in permesso per motivi personali) si sono messe a disposizione dello staff per il primo allenamento, ovviamente dedicato esclusivamente alla preparazione fisica. Da domani poi cominceranno le doppie sedute, volte a preparare Il Bisonte al primo campionato di serie A1 della sua storia, che comincerà il 2 novembre con la partita casalinga al Mandela Forum di Firenze contro Conegliano.

IL ROSTER – Francesca Vannini ha ritrovato sei giocatrici protagoniste dell’ultima stagione trionfale in A2: le centrali Floriana Bertone (1992) e Federica Mastrodicasa (1988), la schiacciatrice Giulia Pietrelli (1988), i liberi Letizia Savelli (1985) e Beatrice Parrocchiale (1995) e la palleggiatrice Giorgia Vingaretti (1985). In più la dirigenza ha portato altre sette ragazze a San Casciano: l’opposto romeno Carmen Turlea (1975), la centrale Raffaella Calloni (1983), la palleggiatrice Alessandra Petrucci (1983) e le schiacciatrici Rita Liliom (ungherese classe 1986), Chiara Negrini (1979), oltre all’ultima arrivata Adele Poggi (1996) e a Giulia Pascucci (1993), che era presente al raduno ma che non può ancora allenarsi per problemi di tesseramento.

IL DISCORSO DEL PRESIDENTE SITA’ – “Veniamo da una stagione splendida, avendo conquistato Coppa Italia di A2 e promozione in A1, senza dimenticare che nel 2015 la società festeggerà i 40 anni di attività. Abbiamo fatto sempre dei piccoli passi, ma abbiamo sempre raggiunto i nostri obiettivi sul campo, e siamo fieri di quello che abbiamo fatto. Quello che abbiamo sempre voluto creare è un clima molto familiare, e per ora ci siamo quasi sempre riusciti: è ovvio che in A1 ci vorrà tanta professionalità, ma voglio continuare su questa falsariga. Troveremo società blasonate con organici di primissimo piano, ma io desidero solo vedere l’attaccamento alla maglia e la voglia di primeggiare: noi cercheremo di non farvi mancare nulla, e il vostro interlocutore principale sarà Silvia Giovannelli, passata dalla promozione sul campo al ruolo di team manager. Un obiettivo non ce l’ho, l’importante sarà giocare un campionato per divertirci e raggiungere il massimo con il potenziale che abbiamo: questa squadra, che è stata allestita nell’arco di quindici giorni, è la squadra che l’allenatrice ha voluto, d’accordo ovviamente con la società”.

IL DISCORSO DELL’ALLENATRICE VANNINI – “Quest’anno seguiremo le normali regole del professionismo, ma credo che al di là di queste ognuno debba essere responsabile e diligente. Non voglio parlare di obiettivi, dico solo che ognuna di voi dovrà dare il massimo di quello che potrà, col massimo della tranquillità e della tolleranza, visto che siamo un gruppo e che la pallavolo è uno sport di squadra”.