Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Domenica 3 Dicembre 2017

@photo Salvatore Marrone

LIU JO NORDMECCANICA MODENA 1

IL BISONTE FIRENZE 3

 

LIU JO NORDMECCANICA MODENA: Garzaro ne, Heyrman 11, Leonardi (L), Montano 10, Vesovic, Bosetti 10, Ferretti, Pistolesi, Calloni 10, Tomic ne, Pincerato ne, Barun-Susnjar 17, Bisconti. All. Gaspari.

IL BISONTE FIRENZE: Sorokaite 16, Alberti 14, Bechis 2, Bonciani, Tapp 13, Santana 15, Di Iulio 1, Parrocchiale (L), Pietrelli, Miloš Prokopić, Tirozzi 15. All. Bracci.

Arbitri: Venturi – Gasparro.

Parziali: 21-25, 12-25, 25-19, 17-25.

Note – durata set: 26’, 17’, 25’, 26’; muri punto: Modena 10, Il Bisonte 15; ace: Modena 4, Il Bisonte 11.

Anche l’ultimo tabù della serie A1 è stato sfatato: per la prima volta nella sua storia, Il Bisonte Firenze ha espugnato il PalaPanini, e per la prima volta nella sua storia ha battuto una squadra di Modena dopo sei sconfitte fra Liu Jo e Liu Jo Nordmeccanica. C’è voluta però la miglior partita della stagione, soprattutto per la continuità di prestazione, per battere la squadra di Gaspari: una battuta di altissimo livello (11 ace totali) ha subito messo in difficoltà la ricezione modenese, disinnescando soprattutto il gioco per Barun, ma poi durante la partita è cresciuto anche il muro (alla fine saranno 15, di cui 5 di Alberti), e la solita, solidissima, ricezione (73% di positiva), ha permesso a Bechis di distribuire alla perfezione il gioco, tanto che tutte e cinque le attaccanti sono andate sopra i 13 punti, grazie anche a un 42% di squadra in attacco. Il Bisonte può festeggiare così tre punti fondamentali per la sua classifica: adesso la squadra di Bracci è ottava, in piena corsa per la qualificazione alla Coppa Italia, e mantiene cinque lunghezze di vantaggio sulla zona retrocessione.

Marco Bracci parte con Bechis in regia, Sorokaite opposto, Santana e Tirozzi in banda, Alberti e Tapp al centro e Parrocchiale libero, mentre Gaspari risponde con Ferretti in palleggio, Barun opposto, Montano e Bosetti schiacciatrici laterali, Calloni e Heyrman al centro e Leonardi libero.

Dopo un inizio favorevole a Modena (3-1), è sul servizio di Sorokaite che Il Bisonte comincia a ingranare, con due ace dell’azzurra che valgono il 3-6 e il time out Gaspari: la Liu Jo però risponde con i muri, e quello del 9-9 di Bosetti costringe Bracci a fermare il gioco. Firenze ne esce alzando a sua volta il muro, e due block in vincenti di Alberti permettono alle bisontine di riallungare (9-12), poi due ace della stessa centrale (il quinto e sesto totale di squadra) significano + 5 (12-17) e nuovo time out Gaspari: Modena si riavvicina (15-17), Bracci inserisce Pietrelli per Santana ma le locali impattano (18-18), anche se poi un ace di Tirozzi e un grande attacco di Sorokaite riportano Il Bisonte sul 18-21. Gaspari inserisce Bisconti per Montant in ricezione (19-21), poi Pistolesi per Heyrman in battuta, ma è Alberti a chiudere con il sesto punto personale (21-25), che vale anche il primo set vinto al PalaPanini nella storia delle bisontine.

Anche nel secondo set la partenza è ottima, con due attacchi di Tirozzi e un muro di Tapp (1-5), e allora Gaspari deve chiedere subito il tempo, e cambia anche Montano con Vesovic: Il Bisonte continua a macinare punti, sul 4-11 di Sorokaite il coach modenese usa subito l’altro suo time out, ma le bisontine sono infermabili (8-19) e Bracci fa esordire in campionato Di Iulio al posto di Santana. Il primo punto dell’abruzzese è un muro su Calloni per il 10-22, poi è Montano con un attacco out a regalare il 12-25.

Nel terzo la Liu Jo Nordmeccanica dimostra di non aver accusato il colpo, e un ace di Bosetti vale il primo allungo (8-6), ma il muro di Tirozzi su Heyrman serve a impattare subito (10-10), e l’ace della stessa Tirozzi il sorpasso (11-12): sul 12-14 di Santana Gaspari chiama time out, la stessa Santana mette giù il 14-16 dopo due difese di squadra pazzesche, ma Modena ha ancora la forza di sorpassare (17-16) e allora Bracci chiama time out. Barun entra in partita e fa male (20-17), Bracci ferma ancora il gioco e sul 21-18 inserisce Milos in battuta per Alberti, ma alla fine è un muro di Heyrman a riaprire la partita (25-19).

Nel quarto Il Bisonte riparte alla carica con Tirozzi e Tapp (3-7) e Gaspari deve subito fermare il gioco: la concentrazione rimane alta, Alberti stampa Barun per il 6-13, poi sul 9-16 Milos sostituisce l’acciaccata Tapp. Modena non molla (14-19) e Bracci decide di parlarci su e fa bene: Firenze risale subito 14-21 (con Bonciani in battuta per Bechis), Sorokaite e Alberti mettono giù i due muri del 15-23, poi è un errore in battuta di Barun a sancire il definitivo 17-25.

LE PAROLE DI MARCO BRACCI – “I motivi di soddisfazione sono molteplici: è stata la prima volta che abbiamo vinto contro Modena e siamo contenti di essere riusciti a sfatare questo tabù, ma sono felice soprattutto per la squadra e per le ragazze, perché avevamo bisogno di giocare una partita con continuità. Era un po’ che la cercavamo e la volevamo, e dopo vari tentativi oggi è arrivata: per noi è molto importante aver trovato una certa continuità nel gioco, ma anche aver guadagnato tre punti che ci servono per la classifica. La qualificazione alla Coppa Italia eventualmente sarà una conseguenza di quello che riusciremo a fare nelle prossime due gare”.