Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Domenica 16 Marzo 2014

IL BISONTE SAN CASCIANO 3

RISO SCOTTI PAVIA 1

 

IL BISONTE SAN CASCIANO: Mastrodicasa 18, Focosi ne, Lotti 12, Giovannelli 11, Villani ne, Parrocchiale (L), Savelli ne, Pietrelli 13, Koleva 16, Bertone ne, Vingaretti 2. All. Vannini.

RISO SCOTTI PAVIA: Masino 3, Nicolini 2, Renkema 10, Frackowiak 13, Poma C. (L), La Rosa 6, Devetag 17, Di Bonifacio 1, Poma G., Moretti 15. All. Braia.

Arbitri: Rossetti – Luciani.

Parziali: 25-14, 25-19, 16-25, 25-20.

Note – durata set: 21’, 25’, 22’, 25’; muri punto: Il Bisonte 10, Pavia 14; ace: Il Bisonte 5, Pavia 4.

Non c’è vittoria senza sofferenza. Lo sta imparando sulla propria pelle Il Bisonte San Casciano, che anche con Pavia deve ricorrere al quarto set prima di portare a casa il successo consecutivo numero tredici. E la ‘vincita al Totocalcio’ vale anche la matematica certezza, con quattro giornate di anticipo, di chiudere il campionato almeno al terzo posto, visto che la quarta, lo Scandicci, resta a dodici punti di distanza, e potrebbe al massimo raggiungere le azzurrine che però sarebbero davanti con un successo in più. La squadra di Francesca Vannini è già dunque qualificata al secondo turno dei play off, ma con questi tre punti ha anche consolidato il secondo posto, senza dimenticare che rimane a – 1 da Montichiari, in attesa di un finale di stagione che si preannuncia clamorosamente emozionante.

Francesca Vannini deve rinunciare almeno inizialmente a Floriana Bertone, reduce da un attacco febbrile in settimana, e parte con Vingaretti in palleggio, Koleva opposto, Giovannelli e Mastrodicasa centrali, Pietrelli e Lotti in banda e Parrocchiale libero. Braia risponde con Nicolini in regia, Frackowiak opposto, Moretti e Renkema bande, Devetag e La Rosa centrali e Celeste Poma libero.

Il Bisonte parte forte, soprattutto in difesa, per poi concretizzare con Pietrelli e Lotti e allungare grazie alle difficoltà in riorganizzazione di Pavia (9-2). Poi entra in partita Devetag, piazzando subito tre muri e un paio di fast per il 9-8. Le azzurrine però ripartono col muro di Giovannelli seguito da un attacco vincente e da un muro di Lotti (16-10), e a Pavia non serve il cambio in regia (Masino per Nicolini), perché Il Bisonte è implacabile e chiude con un ace di Koleva (25-14).

La squadra di casa parte bene anche nel secondo con Koleva (4-1), poi Devetag e Moretti portano in vantaggio la Riso Scotti (5-6), ma Mastrodicasa guida la riscossa (9-7), e dopo una fase bella ed equilibrata è proprio il capitano con un primo tempo e un muro su Devetag a firmare l’allungo (14-11). Braia prova il doppio cambio, con Di Bonifacio e Masino che sostituiscono Nicolini e Frackowiak, che poi rientrano sul 19-15. Qui Pavia tenta una minirimonta con Renkema e Frackowiak (20-18) ma Francesca Vannini saggiamente ferma tutto con un time out, e al rientro Pietrelli firma i due punti del riallungo (22-18), con il set che si chiude grazie al muro di Mastrodicasa (25-19).

Nel terzo Il Bisonte accusa un piccolo calo, e Pavia ne approfitta trascinata da Moretti (5-10). Il tentativo di rimonta arriva fino al muro di Pietrelli (8-10), poi le ospiti ripartono in quarta ancora con Moretti 9-14, e diventano irraggiungibili fino al punto finale di Frackowiak (16-25).

La squadra di Francesca Vannini ha il merito di archiviare subito il brutto terzo set, e nel quarto riparte forte con Koleva e Lotti (8-3). Due primi tempi di Mastrodicasa valgono l’ulteriore allungo (14-7), entra Di Bonifacio e Pavia prova ad avvicinarsi (17-13), ma ancora una volta il time out di coach Vannini è decisivo, perché al rientro Mastrodicasa (che ha vinto la personale sfida con la Devetag, la miglior centrale del campionato, 18 punti a 17) e Lotti (con un attacco e un muro) rifissano il 20-13. E’ il preludio alla vittoria, che arriva al termine della solita piccola sofferenza finale con Koleva che chiude al terzo match point (25-20).