Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Lunedì 15 Gennaio 2018

Proviene ancora dagli Stati Uniti il rinforzo che serviva per completare il reparto delle centrali de Il Bisonte Firenze dopo l’infortunio della connazionale Hannah Tapp: alla corte di Giovanni Caprara arriva l’americana classe 1995 Chiaka Ogbogu, che va così ad aggiungersi nel ruolo a Ivana Miloš Prokopić e a Sara Alberti. Chiaka, che arriverà a Firenze nella serata di mercoledì e che vestirà la maglia numero 11, uscirà per la prima volta dai confini del suo paese dopo un grande percorso nel campionato dei college Usa, ed è pronta a debuttare nel professionismo mettendo a disposizione della squadra le sue potenzialità, il suo gran fisico (è alta 189 centimetri) e le sue doti tecniche sia a muro che in attacco.

LA CARRIERA – Chiaka Ogbogu nasce il 15 aprile 1995 a Newark, nel New Jersey, ma presto si trasferisce a Coppell, in Texas, dove comincia a giocare a pallavolo nella locale high school con le Cowgirls. Nel 2013 entra nell’Università del Texas e partecipa subito al campionato Ncaa di prima divisione con le Texas Longhorns: in quattro stagioni raggiunge per ben tre volte la final four (nel 2013, 2014 e 2015), fermandosi le prime due volte in semifinale e la terza in finale, ed entra per tre volte (2014, 2015 e 2017) nella squadra ideale del campionato scelta dall’associazione allenatori, e una (2014) nella squadra ideale della final four. Nel 2017, concluso con la laurea e poi con il trasferimento a Il Bisonte Firenze, Chiaka non ha raggiunto per un soffio la Final Four, ma è diventata la giocatrice ad aver realizzato più muri vincenti nella storia delle Texas Longhorns.

LE PAROLE DI CHIAKA OGBOGU - “Intanto ringrazio Dio per l’opportunità di poter continuare a vivere il mio sogno inaugurando la mia carriera professionistica in Italia. Sono molto contenta di entrare a far parte de Il Bisonte, so che è un club con una storia importante e sono convinta che il campionato italiano sia uno dei più competitivi al mondo: niente mi entusiasma di più di poterci giocare, e quindi anche per questo ho deciso di accettare l’offerta de Il Bisonte".