Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Domenica 17 Gennaio 2016

IL BISONTE FIRENZE 1

LIU JO MODENA 3

 

IL BISONTE FIRENZE: Perinelli ne, Bechis 1, Mazzini ne, Turlea 20, Negrini 9, Parrocchiale (L), Vanzurova 16, Pietrelli, Calloni 11, Krsmanovic 5, Martinuzzo ne. All. Vannini.

LIU JO MODENA: Bertone, Carraro, Gamba, Rivero ne, Heyrman 13, Di Iulio 10, Folie 15, Arcangeli (L), Ferretti 4, Diouf 19, Scuka 1, Horvath 18. All. Beltrami.

Arbitri: Gasparro – Puletti.

Parziali: 18-25, 19-25, 25-23, 23-25.

Note – durata set: 24’, 24’, 30’, 29’; muri punto: Il Bisonte 10, Modena 15; ace: Il Bisonte 2, Modena 3; spettatori totali: 1600.

Il tentativo di rinascita de Il Bisonte comincia con una sconfitta contro Modena che però per poco non si trasformava in almeno un punto conquistato: l’1-3 finale è frutto di una metà di partita in cui le ragazze di Francesca Vannini hanno faticato a trovare il ritmo e in parte anche l’intesa con le due nuove Bechis e Krsmanovic, e di una seconda metà in cui invece il gioco è cresciuto anche a livelli molto alti, tanto che solo un pizzico di sfortuna, e anche le fuoriclasse della Liu Jo, hanno impedito il raggiungimento del tie break. Resta la soddisfazione di aver visto, soprattutto nel terzo e nel quarto set, un Bisonte finalmente grintoso, determinato e anche divertente, che se non altro ha per la prima volta nella sua storia strappato un set alla bestia nera Modena. Per quanto riguarda le nuove, si è vista una Bechis crescere col passare dei minuti, con una distribuzione sempre intelligente, e una Krsmanovic, arrivata da soli due giorni, già calda a muro: l’impressione è che col passare dei giorni le cose possano solo migliorare, per una rimonta ancora possibile.

Francesca Vannini sceglie Bechis in palleggio, Turlea opposto, Vanzurova e Negrini in banda, Calloni e Krsmanovic centrali e Parrocchiale libero. Beltrami invece risponde con Ferretti in palleggio, Diouf opposto, Horvath e Di Iulio schiacciatrici laterali, Heyrman e Folie al centro e Arcangeli libero.

La prima fuga è di Modena con Heyrman (2-4), subito rintuzzata da Turlea (4-4), ma poi Di Iulio va al servizio e trova anche un ace fortunato (4-7) che provoca il time out Vannini. La Liu Jo però continua a difendere di più e a crearsi opportunità di contrattacco, e Folie firma il 9-13: adesso si gioca punto a punto, Il Bisonte prova la rimonta con Vanzurova (14-16), ma poi Horvath rilancia la fuga (15-20), anche se Firenze continua a lottare e Negrini ritrova il – 2 con un ace (18-20). Ancora una volta però nel momento giusto le ospiti si ritrovano, piazzano un paio di muri e poi chiudono con l’attacco di Di Iulio (18-25).

Decisamente più equilibrato l’inizio del secondo set, con Il Bisonte che risponde colpo su colpo a Modena: il primo tentativo di fuga è delle ospiti con Diouf (8-10), poi Di Iulio manda tutti al time out tecnico sul 9-12. Firenze c’è, Bechis trova Negrini e Vanzurova (14-15), ma ancora una volta il fiato sul collo dell’avversario fa bene alla Liu Jo, che con Diouf e un muro di Ferretti scava il 16-20. Sul 18-21 entra Pietrelli per Vanzurova, ma le ospiti non lasciano scampo e un errore in battuta di Turlea vale il 19-25.

Nel terzo finalmente Il Bisonte riesce a partire bene, e il muro di Calloni vale il 7-3 e il time out Beltrami. Esce Di Iulio ed entra Scuka, la Liu Jo recupera subito con Folie e il muro di Ferretti (8-9). Adesso la partita è finalmente bella, e le due squadre fanno l’elastico: Il Bisonte carbura, Diouf è costretta a forzare sbagliando, e il muro di Vanzurova su Heyrman e il successivo attacco della ceka valgono il 20-16. Qui qualcosa si inceppa, le ospiti sfruttano gli errori locali per risalire 20-19 e Vannini chiama time out: Firenze ne beneficia, Turlea e Vanzurova con un attacco e un ace ricostruiscono il +3 (23-20). Purtroppo non è ancora finita, perché Folie si scatena a muro (23-23), ma le bisontine rimangono fredde, e rispondono con i block in vincenti di Krsmanovic e Calloni su Diouf (25-23).

Nel quarto la partita sale ancora di livello, con Il Bisonte che sembra aver trovato gli ingranaggi giusti anche con le due nuove: adesso la squadra difende, mura e attacca come quasi mai in questa stagione, e sale 11-9 con Turlea. Un black out imprevisto e imprevedibile costa però il sorpasso di Modena (12-14), e Vannini cerca di parlarci su con un time out: Firenze rimane in scia, non molla e raggiunge anche il – 1 con Vanzurova (19-20), ma Diouf risponde e uno dei pochi errori di Turlea vale il 19-22. Ancora time out, c’è Pietrelli dietro per Vanzurova e da una sua difesa nasce il 21-22: stavolta è Beltrami a chiedere tempo, ma Negrini pareggia e Turlea firma il 23-23. Nel finale però è una fuoriclasse come Heyrman a salire in cattedra: suoi i due punti che chiudono la sfida sul 23-25, con Il Bisonte sfortunatissimo in un paio di ricostruzioni.

LE PAROLE DI TEREZA VANZUROVA – “Per noi questo girone di ritorno è come un inizio, perché sono arrivate due giocatrici nuove ed è tutto nuovo: ci dobbiamo conoscere ancora un po’ meglio, ma penso che siamo sulla strada giusta. Abbiamo trovato un po’ più di tranquillità nelle situazioni in cui facevamo fatica, abbiamo lavorato molto in difesa e si è visto: quello è il primo passo per trovare la carica che ci serve. Adesso ragioniamo partita dopo partita, questa era la prima e dobbiamo pensare positivo, perché noi crediamo alla salvezza”.