Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Martedì 4 Febbraio 2014

Il giorno della verità è arrivato. E quella di domani può essere considerata a pieno titolo la partita più importante della stagione, almeno fino a questo punto, per Il Bisonte San Casciano, che è a due passi dalla finale della Coppa Italia di Serie A2. E sarebbe un traguardo assolutamente storico, e dal sapore dell’impresa. Prima però servirà conquistare almeno due set contro il Soverato, che arriverà al PalaMontopolo alle 20.30 con tutta l’intenzione di ribaltare il 3-1 subito all’andata in Calabria, sette giorni fa. Quella fu una grande impresa per le azzurrine, grazie alla quale domani potranno avere quattro risultati e mezzo su sei a disposizione: le vittorie per 3-0, 3-1 e 3-2 qualificherebbero la squadra di Francesca Vannini all’atto conclusivo del 23 febbraio al PalaVerde di Treviso, così come la sconfitta per 2-3, mentre lo 0-3 permetterebbe al Soverato di passare il turno e l’1-3 rinvierebbe il verdetto al golden set, da giocare al termine della partita. Insomma, Il Bisonte parte da una posizione di vantaggio, ma dovrà iniziare subito forte per spegnere immediatamente le velleità di rimonta delle ospiti: per questo ancora una volta la società ha deciso di abbassare il prezzo dei biglietti a cinque euro, con il pubblico sancascianese che dovrebbe rispondere presente e gremire il PalaMontopolo ancora più del solito per trascinare le azzurrine. E l’aiuto dei tifosi, Pellicani Feroci in primis, servirà tanto, perché la squadra, alla sesta partita in diciotto giorni, comincia a essere stanca, come si è visto in parte nel 3-2 di domenica scorsa contro la Crovegli, quando comunque è riuscita a ricompattarsi e a portare a casa la partita con grande cuore e grinta. Ancora una volta non ci sarà Floriana Bertone, mentre una decisione sull’utilizzo di Beatrice Parrocchiale, che ha saltato il match con Reggio Emilia per un problema muscolare, verrà presa soltanto prima della partita.

LE PAROLE DEL VICEALLENATORE GENTILE – “Loro hanno poco da perdere, perché hanno un risultato solo a disposizione, quindi non dovremo fare calcoli, ma entrare in campo convinti e gestire l’entusiasmo che si è creato, pensando solo a questa partita e cercando di superare questo periodo infernale e faticosissimo, che dopo il match di domenica a Sala Consilina finalmente ci darà un po’ di respiro. Ormai la stanchezza è visibile, ma è cosi anche per le altre squadre che giocano la Coppa Italia: qualche acciacco ha colpito sia noi che loro, è dura ma dobbiamo stringere i denti. L’ottimismo comunque c’è e scaturisce dal fatto che abbiamo dimostrato di essere cresciuti a livello mentale, perché nelle ultime due partite, pur non esprimendo il nostro miglior gioco, siamo riusciti a portare a casa il risultato”.

LE AVVERSARIE – L’unico dubbio per l’allenatore del Soverato Breviglieri è legato alla sostituzione della banda Yarimar Rosa, infortunatasi proprio all’andata contro Il Bisonte: nella sconfitta al tie break contro Vicenza è partita titolare Carmen Bellapianta, che dunque dovrebbe giocare anche domani. Per il resto, sestetto confermato, con la ex Sara De Lellis al palleggio, Leticia Boscacci opposto, Sofia Arimattei in banda, Alessia Travaglini e Linda Martinuzzo al centro e Giorgia Cacciapaglia libero.