Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Venerdì 30 Settembre 2016

Dopo l’amichevole contro la Dinamo Mosca e l’allenamento congiunto con il Montesport, è in arrivo un altro test importante per Il Bisonte Firenze, in vista del debutto nella serie A1 2016/17 in programma domenica 16 ottobre a Bergamo contro la Foppapedretti. Domani e dopodomani la squadra di Marco Bracci sarà impegnata a Olbia, in Sardegna, in un prestigioso quadrangolare, il 1° Trofeo Internazionale Geovillage, a cui parteciperanno anche le campionesse di Francia del Saint-Raphaël e le due formazioni di A2 dell’Hermaea Olbia e del Soverato. Si comincia domani alle 17, con il match contro Soverato, a cui seguirà alle 19.30 la sfida fra Olbia e Saint-Raphaël, mentre domenica alle 17 Il Bisonte affronterà il Saint-Raphaël e alle 19.30 chiuderà il torneo la partita fra Olbia e Soverato: ogni gara si svolgerà con la formula dei tre set su cinque, e la vincitrice del Trofeo sarà la squadra che avrà totalizzato più punti secondo il canonico punteggio assegnato in campionato. Due quindi le avversarie delle bisontine: il Soverato, rivale storico negli anni di A2 in cui milita anche la ex Marianna Vujko, e il Saint-Raphaël, che ha interrotto la serie di diciotto scudetti consecutivi del Cannes diventando campione di Francia anche grazie all’allenatore Bregoli e a tante giocatrici italiane come Menghi, Gomiero e Angeloni, alle quali da quest’estate si è aggiunta Letizia Camera. Per coach Bracci si tratterà di un doppio impegno importante per valutare i progressi della preparazione delle sue ragazze, e anche per vedere per la prima volta in campo Beatrice Parocchiale, rientrata a inizio settimana dalla sua avventura con la nazionale maggiore.

LA PRESENTAZIONE DI MARCO BRACCI – “Si tratta di un torneo molto importante, in cui cercheremo di mettere in pratica gli aspetti tecnici e tattici che abbiamo provato in questo periodo. Sappiamo che le nostre atlete stanno ancora lavorando molto dal punto di vista fisico, ritengo però che si debba cominciare a fornire delle prestazioni più che sufficienti. Mi aspetto di vedere per esempio situazioni di muro e di difesa che abbiamo studiato in allenamento: faremo delle prove sulle posizioni a muro, ed eventualmente le modificheremo a partita in corso come avviene anche nelle gare di campionato”.