Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Giovedì 4 Dicembre 2014

Dopo la sconfitta di ieri contro Montichiari, Il Bisonte si rituffa nella preparazione dell'anticipo di sabato sera a Piacenza con un po' di rimpianto per non aver conquistato almeno un punto, ma anche con la soddisfazione del premio consegnato a Francesca Vannini prima del match, il pallone d'oro come migliore allenatore della stagione 2013/14. Già domani comunque la squadra partirà alla volta di Piacenza, dove sabato alle 20.30 affronterà la Nordmeccanica Rebecchi.

Intanto, dopo la settima giornata di serie A1, le statistiche di squadra dicono che Il Bisonte Firenze è decimo per numero di ace (13), in una classifica guidata da Casalmaggiore con 40, e nono per numero di muri (54), in una classifica guidata da Montichiari con 76. A livello individuale Carmen Turlea è la giocatrice più prolifica de Il Bisonte con 95 punti, dodicesima in una classifica generale guidata da Lise Van Hecke di Piacenza (127), seguita da Neriman Ozsoy di Conegliano, seconda con 123, e da Emiliya Nikolova di Conegliano e Valentina Tirozzi di Casalmaggiore, terze con 121. La seconda realizzatrice de Il Bisonte è Chiara Negrini, sedicesima con 83 punti, mentre la centrale più prolifica fra le azzurrine è Raffaella Calloni, trentottesima generale con 60 punti e settima 'cannoniera' nel suo ruolo in una classifica guidata da Jovana Stevanovic di Casalmaggiore con 92. Le prime per numero di muri sono Jovana Stevanovic di Casalmaggiore e Simona Gioli di Montichiari con 25, con Raffaella Calloni che è ottava con 17 e prima fra le azzurrine. Marika Bianchini di Casalmaggiore è invece in testa alla speciale classifica degli ace con 12, con Rita Liliom che è dodicesima con 6 e prima de Il Bisonte. A livello di coppie di centrali, quella de Il Bisonte (Bertone e Calloni) è al settimo posto per punti realizzati (103), in una graduatoria guidata da quella di Casalmaggiore (Stevanovic-Gibbemeyer) con 158, davanti a quella di Novara (Chirichella-Guiggi), seconda con 122, e a quella di Conegliano (Adams-Barazza), terza con 121.