Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Mercoledì 29 Gennaio 2014

SOVERATO 1

IL BISONTE SAN CASCIANO 3

 

SOVERATO: Cacciapaglia (L), Travaglini 10, Boscacci 9, Martinuzzo 9, Rosa 9, Arimattei 15, Ferraro ne, Lavorenti, Bellapianta 5, Burduja, Torcasio ne, De Lellis 3. All. Breviglieri.

IL BISONTE SAN CASCIANO: Mastrodicasa 12, Focosi, Lotti 10, Giovannelli 6, Villani ne, Parrocchiale (L), Savelli ne, Pietrelli 14, Koleva 24, Bertone, Vingaretti 1. All. Vannini.

Arbitri: Guarneri – Valeriani.

Parziali: 19-25, 25-22, 20-25, 19-25.

Note – durata set: 25’, 26’, 26’, 26’; muri punto: Soverato 9, Il Bisonte 10; ace: Soverato 0, Il Bisonte 1.

Non si ferma la corsa de Il Bisonte, che anche nelle difficoltà riesce a trovare al proprio interno risorse infinite ed espugna ancora una volta il PalaScoppa di Soverato nella semifinale d’andata della Coppa Italia di A2. E il 3-1 è particolarmente prezioso, perché avvicina le azzurrine a un traguardo incredibile, ma che appare più che meritato per quanto stanno facendo: mercoledì prossimo, nel ritorno del PalaMontopolo, basterà conquistare due set per guadagnare l’accesso all’atto conclusivo della manifestazione, in programma domenica 23 febbraio al PalaVerde di Treviso. E pensare che nella bolgia di Soverato coach Vannini ha dovuto fare a meno dopo un solo punto di Floriana Bertone, il cui problema al ginocchio deve essere valutato: la squadra però non si è scoraggiata, Silvia Giovannelli è entrata come al solito in maniera decisa, e una straordinaria Koleva ha trascinato al gruppo alla quinta vittoria consecutiva fra campionato e coppa, quattro solo negli ultimi undici giorni, di cui tre in trasferta. Onore comunque a un Soverato sempre pericoloso, anch’esso penalizzato dall’infortunio di Rosa nel secondo set.

Francesca Vannini schiera Vingaretti in palleggio, con Koleva opposto, Bertone e Mastrodicasa centrali, Pietrelli e Lotti in banda e Parrocchiale libero. Breviglieri risponde con la ex De Lellis in regia, Boscacci opposto, Rosa e Arimattei bande, Travaglini e Martinuzzo centrali e Cacciapaglia libero.

Il primo set inizia subito con una brutta notizia, perché dopo il primo punto Floriana Bertone deve lasciare il campo per un problema al ginocchio, sostituita da Giovannelli: nonostante l’inghippo, Il Bisonte parte forte (2-8), poi Soverato prova a recuperare qualche punto ma rimane sempre a distanza di sicurezza, e nel finale è Koleva a trascinare le azzurrine, con il punto del 19-25 sancito da un’invasione delle calabresi.

Il secondo set è equilibratissimo, con Il Bisonte che difende in modo eccezionale e tiene punto a punto un Soverato trascinato dal proprio pubblico, che però prova ad allungare sul 17-15. Poi Pietrelli impatta sul 18-18, ma le locali allungano di nuovo grazie a un grande apporto delle centrali e a un muro di Arimattei (21-19). E’ il break decisivo, e nonostante l’infortunio di Rosa sul 24-22 sostituita da Bellapianta, Soverato chiude 25-22 per un fallo di Koleva.

Nel terzo la squadra di Breviglieri mantiene l’inerzia e sale 7-3, poi Vannini prova Focosi per Vingaretti in regia ma il gap sale ancora (13-6). Rientra la palleggiatrice titolare, e fortunatamente Soverato comincia a sbagliare, rimettendo in partita Il Bisonte (13-10 e poi 15-13). Sul 18-16 le azzurrine ne approfittano ulteriormente per piazzare un break di 0-4 firmato Koleva, poi le locali hanno ancora la forza di impattare sul 20-20, ma un muro di Koleva apre il parziale decisivo chiuso poi da un altro muro della stessa bulgara (20-25).

Nel quarto set è ancora Il Bisonte ad andarsene, prima con Lotti (5-8) e poi con Koleva, Mastrodicasa e Pietrelli (10-16): adesso la squadra di Francesca Vannini controlla la partita, anche grazie a una Koleva in versione cecchina infallibile, e alla fine è Vingaretti a chiudere con un palleggio di seconda.