Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sabato 17 Gennaio 2015

Domani Il Bisonte Firenze calcherà per la prima volta il taraflex rosa di un altro palazzetto storico per il volley femminile italiano, il PalaNorda di Bergamo. Alle 18 è in programma la trasferta contro la Foppapedretti, valida per la quattordicesima giornata della Master Group Sport Volley Cup di Serie A1, e quando nomini certe squadre è inevitabile pensare a quanto è bello, ma anche difficile, stare nella massima categoria della pallavolo femminile, e a quanto è affascinante respirare l’odore dei successi di avversarie come la Foppapedretti, che dal 1994 è sulla breccia, e che in venti anni ha vinto tutto, dagli otto scudetti alle sette Champions League, ai tanti altri trofei che campeggiano al PalaNorda. Non per questo però le azzurrine si devono sentire battute o appagate: il + 7 sulla penultima per ora non è tranquillizzante, la strada per la salvezza è ancora lunga, e può passare anche da qualche punto strappato alle big del campionato. Un esercizio questo, che peraltro Il Bisonte ha dimostrato di digerire meglio rispetto ai facili compitini: soprattutto in trasferta, Mastrodicasa e compagne hanno spesso dato fastidio alle squadre di alta classifica, ed è quello che cercheranno di fare anche domani, puntando su un gruppo al completo, su una settimana di allenamenti portata avanti su buoni ritmi e su una voglia di stupire che non è mai mancata. Contro Bergamo però servirà anche quella continuità all’interno dello stesso match che spesso è stata il difetto di Firenze: all’andata per esempio la partita fu molto equilibrata per i primi due parziali, poi le bisontine calarono quel tanto che bastò alla Foppapedretti per chiudere 3-1. E questi black out non possono essere concessi a una squadra come quella di Lavarini, formata da giovani interessantissime, come Plak e Melandri, e da giocatrici esperte come Paggi e Radecka, che ne fanno un sestetto equilibrato e capace di dar fastidio a tutti, come certifica il quinto posto in classifica. Ex della gara, Carmen Turlea, che giocò a Bergamo fra il 2001 e il 2003, vincendo lo scudetto nel 2002.

LE PAROLE DI FRANCESCA VANNINI – “Andiamo a giocare a Bergamo contro una squadra che mi piace molto, perché è giovane e gioca bene, con tanto entusiasmo e lottando sempre. Poi, come tutte le squadre giovani, alterna alti e bassi, ma ha elementi di assoluto valore e la classifica lo conferma. Per questo dico che sarà una partita difficile, da affrontare con serenità e nel miglior modo possibile: all’andata abbiamo giocato due set, poi è calato il sipario, ed è quello che dovremo evitare domani, cercando di mantenere una certa continuità e di giocare per quelle che sono le nostre possibilità. Loro come noi vengono da una sconfitta, e quindi avranno voglia di riscatto davanti al loro splendido pubblico, ma anche noi abbiamo le nostre motivazioni e proveremo a farle valere in campo”.

LE AVVERSARIE – La Foppapedretti Bergamo di coach Stefano Lavarini dovrebbe schierarsi con la polacca Milena Radecka Sadurek (1984) in palleggio e l’olandese Celeste Plak (1995) opposto, in possibile ballottaggio con l’azzurrina Miriam Sylla (1995). Le schiacciatrici laterali dovrebbero essere la serba Jelena Blagojevic (1988) e Sara Loda (1990), mentre le centrali favorite sono Laura Melandri (1995) e Paola Paggi (1976), che se la giocano con l’americana Alesha Deesing (1985). Il libero infine sarà Enrica Merlo (1988).

IN TV - La partita fra Foppapedretti Bergamo e Il Bisonte Firenze sarà trasmessa in diretta streaming su www.sportube.tv e su www.legavolleyfemminile.it, e in differita da Antenna 5, la tv ufficiale de Il Bisonte (canale 72 del Digitale Terrestre), lunedì alle 20, martedì alle 12 e mercoledì alle 7.30.