Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sabato 11 Ottobre 2014

Prosegue nel suo percorso di crescita Il Bisonte Firenze. La seconda amichevole del precampionato, contro una squadra di A2 di alto livello come la Beng Rovigo della ex Silvia Lotti, ha dato altre indicazioni interessanti a Francesca Vannini, al di là di un risultato che alla fine ha premiato le venete al tie break. Come nel primo test match contro Aversa, di positivo c’è che la squadra ha messo sulle gambe altri cinque buoni set: in questo modo l’intesa all’interno di un gruppo per metà nuovo ha la possibilità di affinarsi, e i risultati in questo senso si stanno vedendo. Oltretutto coach Vannini ha avuto di nuovo l’opportunità di ruotare tutte le giocatrici della rosa, ottenendo ancora risposte importanti anche da chi è entrato in corso di match. Ovviamente il grande lavoro fisico a cui è stata sottoposta la squadra in sede di preparazione si sta facendo sentire, e la condizione per ora è quella che è, ma l’obiettivo è di portare il gruppo in forma per il debutto in serie A del 2 novembre contro Conegliano, e in questo senso Il Bisonte è sulla strada giusta. In un Mandela Forum ‘arricchito’ dalla presenza del solito manipolo di Pellicani Feroci, oltre che del sempre presente patron Wanny Di Filippo, Francesca Vannini è partita con Petrucci in palleggio (rientrata dopo una settimana di stop per un problema muscolare), Turlea opposto, Calloni e Bertone centrali, Negrini e Liliom in banda e Parrocchiale libero, e il primo set se lo è aggiudicato Rovigo per 23-25. Stessa formazione nel secondo, vinto dalle azzurrine 25-23, poi nel terzo, finito 19-25, sono entrate Mastrodicasa per Bertone e Pascucci per Turlea. Nel quarto, vinto 25-18, spazio anche a Vingaretti per Petrucci, Pietrelli per Negrini e Poggi per Liliom, mentre nel tie break sono entrate Savelli per Parrocchiale e Bertone per una Calloni sempre più a suo agio dopo il lungo stop, con la Beng che si è imposta 12-15.

LE PAROLE DI FRANCESCA VANNINI – “Ancora ci sono tante cose su cui lavorare. Rispetto ai nostri avversari di Rovigo, noi eravamo molto più indietro fisicamente. Ci sono stati alti e bassi, ma voglio rimarcare che soprattutto da parte delle ‘non titolari’ ho visto grande voglia e grande spirito e applicazione, e questo mi fa molto piacere perché mi hanno dimostrato ancora una volta che possono giocare davvero tutte”.

IL TABELLINO – IL BISONTE FIRENZE: Mastrodicasa 5, Petrucci 2, Liliom 11, Turlea 3, Negrini 9, Poggi 4, Pascucci 12, Parrocchiale (L1), Savelli (L2), Pietrelli 4, Calloni 16, Bertone 4, Vingaretti. All. Vannini. BENG ROVIGO: Zardo (L1), Guatelli 12, Lotti 12, M’Bra 3, Brusegan 12, Musti De Gennaro 6, Crepaldi 3, Pincerato 9, Manfredini 19, Coan, Milan (L2), Lisandri, Puglisi 4. All. Ferrari.