Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Lunedì 28 Agosto 2017

@photo Maurizio Anatrini

Con il raduno di ieri sera, nella splendida cornice di Villa Il Salviatino a Fiesole, è ufficialmente cominciata la stagione 2017/18 de Il Bisonte Firenze, che dal 15 ottobre parteciperà per la quarta volta consecutiva al campionato di serie A1. Come da tradizione, il presidente Elio Sità e il patron Wanny Di Filippo hanno fatto gli onori di casa, in una sorta di primo giorno di scuola in cui non sono mancati l’entusiasmo e la voglia di cominciare: dopo le presentazioni di rito, il presidente Sità ha tenuto a battesimo la squadra con il suo consueto discorso introduttivo, poi è andata in scena la prima riunione tecnica guidata da coach Marco Bracci e dal suo staff, e a seguire la canonica cena di inizio stagione. Elegantissime le otto giocatrici presenti: oltre alle cinque che da oggi cominceranno la preparazione (Marta Bechis, Francesca Bonciani, Chiara Di Iulio, Giulia Pietrelli e Sara Alberti), hanno raggiunto Fiesole grazie a un permesso della Federazione anche le azzurre Beatrice Parrocchiale, Indre Sorokaite e Valentina Tirozzi, che poi sono subito tornate agli ordini del ct Mazzanti per la preparazione dell’Europeo, mentre erano assenti le tre straniere, in ritiro con le rispettive nazionali. In particolare, Ivana Miloš Prokopić sta preparando gli Europei con la Croazia (e quindi come le azzurre sarà a disposizione al massimo ai primi di ottobre), Hannah Tapp sta lavorando col Team Usa (e sbarcherà a Firenze il 22 settembre) e Daly Santana giocherà il campionato centronordamericano col Porto Rico (e rientrerà quindi solo il 18 ottobre, dopo la prima giornata). Come detto, oggi comincia la preparazione: la squadra lavorerà al ritmo di due sedute giornaliere, con quella del mattino dedicata alla parte fisica (in piscina o in sala pesi), agli ordini del preparatore Andrea Falsetti e quella del pomeriggio alla tecnica e alla tattica (in questa prima settimana a San Casciano), sotto la guida di Marco Bracci: in questa prima fase, alle cinque giocatrici presenti saranno aggregate alcune ragazze del consorzio Volley Art Toscana.

LA SQUADRA – Saranno undici le giocatrici de Il Bisonte Firenze per la serie A1 2017/18: le palleggiatrici Marta Bechis e Francesca Bonciani, l’opposto Indre Sorokaite, le schiacciatrici Valentina Tirozzi, Daly Santana, Chiara Di Iulio e Giulia Pietrelli, le centrali Ivana Miloš Prokopić, Hannah Tapp e Sara Alberti e il libero Beatrice Parrocchiale.

LO STAFF TECNICO – Tutto confermato lo staff tecnico: insieme a coach Marco Bracci lavoreranno il secondo allenatore Marcello Cervellin, lo scoutman Lorenzo Librio, il preparatore atletico Andrea Falsetti, il fisioterapista Michele Savarese e il dirigente accompagnatore Valentina Tiloca. Due invece le new entry: si tratta del fisioterapista Enrico Sergi e del medico sociale Jacopo Giuliattini.

IL DISCORSO DEL PRESIDENTE ELIO SITA’ - “Abbiamo allestito una formazione in linea con quelli che erano i nostri obiettivi, cercando di migliorare rispetto all’ultima stagione che comunque ci ha dato tante soddisfazioni. Siamo una società da sempre strutturata come una famiglia, e questo ci ha portato ad avere risultati positivi dal punto di vista tecnico ma anche qualche delusione a livello umano: da parte mia c’è stata una riflessione, per capire se magari abbiamo sbagliato ad avere questa impostazione, ma alla fine resto convinto che quello che conta è la serietà in campo e in palestra e l’attaccamento alla maglia e ai valori societari, mentre fuori dal campo l’importante è mantenere un comportamento consono, senza che nessuno debba fare il vigile. Questo clima familiare, che si è creato anche grazie al nostro patron Wanny, è la nostra caratteristica, e speriamo che anche questa stagione ci porti delle belle soddisfazioni”.

LE PAROLE DI COACH MARCO BRACCI – “Siamo entusiasti di cominciare questa nuova avventura: all’inizio lavoreremo con sole cinque giocatrici, che integreremo con alcune ragazze delle giovanili, ma io dico che fortunatamente siamo solo in cinque, perché è importante che le atlete vestano le maglie delle proprie nazionali, di modo da poter giocare ad alti livelli e acquisire esperienza. La società ha saputo lavorare bene questa estate: abbiamo confermato con piacere le atlete che hanno deciso di rimanere qua, e a loro abbiamo aggiunto alcune giocatrici di esperienza e altre più giovani e di belle speranze. Faremo di tutto per aiutare le nuove a inserirsi, e per provare a confermare almeno il risultato dell’anno scorso: abbiamo fatto una bellissima cavalcata, ma non nascondo le nostre ambizioni e quindi dovremo essere bravi ad alzare ulteriormente l’asticella”.