Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sabato 10 Maggio 2014

Cuore, testa, tecnica e tanta pazienza. Sono queste le doti che Il Bisonte San Casciano dovrà dimostrare di possedere per allungare la serie della finale dei play off di serie A2, che è cominciata giovedì sera con una sconfitta casalinga contro la Saugella Team Monza. Domani alle 18, al PalaIper di Monza, è in programma gara due, che potrebbe dare alla squadra di coach Mazzola la promozione in A1, ma nulla è scontato e l'equilibrio è totale, come si è visto nel match di Santa Croce, che si è concluso solo al tie break al termine di quasi due ore e mezzo di autentica battaglia. L'unico modo che hanno le azzurrine per portare le brianzole alla bella è quello di vincere, e la carica è quella giusta per compiere l’impresa, ma l'impressione è che ancora una volta la partita potrebbe essere lunghissima: per questo ci sarà bisogno di tanta pazienza, caratteristica fondamentale anche per non innervosirsi viste le capacità difensive di Monza. Lo si era già intuito nel ritorno di campionato, ma gara uno ha ulteriormente evidenziato come la difesa della Saugella sia quasi impenetrabile: per mettere a terra un pallone Il Bisonte ha spesso dovuto sudare le famose sette camicie, e sicuramente sarà così anche domani, a maggior ragione visto che le monzesi avranno anche il supporto del proprio pubblico. I Pellicani Feroci hanno comunque organizzato un pullman, e non lasceranno sole le azzurrine, che come detto dovranno mantenere la calma e prepararsi a una nuova battaglia: per questo saranno importanti il cuore e la testa, che comunque non sono mancati neanche giovedì, mentre rispetto a gara uno dal punto di vista tecnico sarà necessario un miglioramento in ricezione, per rispondere meglio all'efficacia della battuta di Monza, e anche in ricostruzione, con una gestione migliore dei contrattacchi. Ma è soprattutto la voglia di vincere che non dovrà mancare, e su questo non sembrano esserci dubbi, all’interno di un gruppo che già in serata raggiungerà la Brianza con gli occhi della tigre.

LE PAROLE DI FRANCESCA VANNINI – “Siamo con le spalle al muro, perché loro sono in vantaggio e noi dobbiamo vincere per forza, ma non c’è motivo per dare la finale già per persa, anche perché, come mi ha scritto qualcuno, due partite le dovevamo comunque vincere per ottenere la promozione e quindi non cambia nulla. Oltretutto gara uno è stata molto equilibrata, e questo fa ben sperare, pur dovendo migliorare in alcuni aspetti in cui non abbiamo reso al meglio, tipo battuta e ricezione: insomma, credo che sia tutto ancora da giocare, e senza nulla togliere al valore delle avversarie, vogliamo provare a portare la serie alla bella”.

LE AVVERSARIE – Visto il risultato è molto probabile che il coach della Saugella Team Monza, Enrico Mazzola, riproponga lo stesso sestetto di gara uno, con Martina Balboni in palleggio, Laura Garavaglia opposto, Benedetta Bruno e Fabiola Facchinetti centrali, Natalia Viganò e Marika Bonetti in banda e Veronica Bisconti libero.