Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Mercoledì 14 Gennaio 2015

Il Bisonte Firenze è già al lavoro: la sconfitta contro la capolista Novara era abbastanza preventivabile, e quindi non ha particolarmente complicato i piani della squadra di Francesca Vannini, che mantiene sette punti di vantaggio sulla zona retrocessione e lavora per preparare al meglio la prossima trasferta di Bergamo. Sabato pomeriggio il gruppo partirà in pullman alla volta della città orobica, poi domenica mattina la rifinitura al PalaNorda, dove alle 18 andrà in scena il match con la Foppapedretti.

Intanto, dopo la tredicesima giornata di serie A1, le statistiche di squadra dicono che Il Bisonte Firenze è dodicesimo e ultimo per numero di ace (21), in una classifica guidata da Casalmaggiore con 70, e nono per numero di muri (105), in una classifica guidata da Conegliano con 145. A livello individuale Carmen Turlea è la giocatrice più prolifica de Il Bisonte con 203 punti, decima in una classifica generale guidata da Samanta Fabris di Modena (270), seguita da Neriman Ozsoy di Conegliano, seconda con 242, e da Valentina Diouf di Busto Arsizio, terza con 235. La seconda realizzatrice de Il Bisonte è Chiara Negrini, venticinquesima con 138 punti, mentre la centrale più prolifica fra le azzurrine è Raffaella Calloni, trentesima generale con 129 punti e quinta 'cannoniera' nel suo ruolo in una classifica guidata da Jovana Stevanovic di Casalmaggiore con 158. Le prime per numero di muri sono la stessa Stevanovic e Rachel Adams di Conegliano, con 42, con Raffaella Calloni che è quinta con 36 e prima fra le azzurrine. Valentina Tirozzi di Casalmaggiore è invece in testa alla speciale classifica degli ace con 21, con Rita Liliom che è ventesima con 7 e prima de Il Bisonte. A livello di coppie di centrali, quella de Il Bisonte (Bertone e Calloni) è al settimo posto per punti realizzati (203), in una graduatoria guidata da quella di Casalmaggiore (Stevanovic-Gibbemeyer) con 267, davanti a quella di Busto Arsizio (Lyubushkina-Michel), seconda con 247, e a quella di Montichiari (Gioli-Olivotto), terza con 231.