Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Martedì 11 Marzo 2014

Ormai vincere sembra diventata un'abitudine per Il Bisonte, che però non può permettersi cali se vuole continuare la corsa verso qualcosa di sempre più importante dopo aver già centrato la matematica qualificazione ai play off con cinque giornate d'anticipo. E in effetti da oggi è già ricominciata la preparazione in vista della sfida di domenica prossima, in cui l'Azzurra ospiterà al PalaMontopolo la Riso Scotti Pavia.

Intanto, dopo la diciassettesima giornata di serie A2, le statistiche di squadra dicono che Il Bisonte San Casciano è terzo per numero di ace (77), a pari merito con Pavia, in una classifica guidata da Bolzano con 80, seguito da Sala Consilina con 79, e ottavo per numero di muri (152) in una classifica guidata da Montichiari con 205. A livello individuale Elena Koleva è sempre in testa da sola alla classifica dei punti realizzati, con 316, davanti a Valeria Papa di Bolzano, seconda con 305, e a Bernadette Dekani di Sala Consilina, terza con 295. La seconda realizzatrice de Il Bisonte è Giulia Pietrelli, diciottesima generale con 193 punti, mentre la centrale più prolifica fra le azzurrine è Federica Mastrodicasa, ventiduesima generale con 187 punti e terza 'cannoniera' fra le centrali, in una classifica guidata da Francesca Devetag di Pavia con 221 seguita da Sara Menghi di Bolzano con 190. La Devetag è anche prima per numero di muri (84), con Federica Mastrodicasa che grazie ai 5 messi a segno contro Bolzano è salita all'ottavo posto con 49 e prima fra le azzurrine. Elena Koleva, grazie ai tre ace messi a segno con Bolzano, è adesso sola in testa anche nella speciale classifica delle battute vincenti (27), davanti a Melissa Martinelli di Sala Consilina (25) e a Valeria Papa di Bolzano (24). A livello di coppie di centrali, quella de Il Bisonte (Bertone e Mastrodicasa), grazie ai 29 punti totali messi a segno contro Bolzano, è risalita al primo posto per punti realizzati (345), davanti a quella di Scandicci (Strobbe e Lapi), seconda con 341, e a quella di Soverato (Travaglini e Martinuzzo), terza con 329.