Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Domenica 18 Ottobre 2015

LIU JO MODENA 3

IL BISONTE FIRENZE 0

 

LIU JO MODENA: Bertone 6, Gamba, Rivero ne, Heyrman 17, Di Iulio 11, Folie ne, Galeotti, Arcangeli (L), Ferretti 2, Diouf 13, Squarcini ne, Scuka ne, Horvath 10. All. Beltrami.

IL BISONTE FIRENZE: Perinelli 8, Ninkovic 7, Mazzini, Turlea 10, Negrini ne, Van De Vyver 1, Parrocchiale (L), Vanzurova 10, Pietrelli, Calloni 8, Martinuzzo ne. All. Vannini.

Arbitri: Frapiccini – Turtù.

Parziali: 25-20, 25-14, 25-20.

Note – durata set: 24’, 23’, 27’; muri punto: Modena 13, Il Bisonte 9; ace: Modena 1, Il Bisonte 4.

Nella prima giornata del suo secondo storico campionato di serie A1, Il Bisonte Firenze incrocia la traiettoria di una Liu Jo Modena ancora di un altro livello, e il risultato è un 3-0 che non ammette repliche. La squadra di Francesca Vannini, che fra l’altro ha dovuto fare a meno di Negrini per un piccolo problema al ginocchio, ha dimostrato di aver ancora qualche problema di intesa, e a risentirne è stato soprattutto l’attacco (29%), mentre qualcosa di meglio si è visto dal punto di vista del muro-difesa, soprattutto nel terzo set (il più combattuto): le modenesi però non hanno praticamente mai concesso nulla, con Il Bisonte che quindi torna a Firenze a secco di punti ma con la consapevolezza che col lavoro e col tempo, e soprattutto con avversari più malleabili, le cose potranno sicuramente migliorare.

Francesca Vannini tiene a riposo Chiara Negrini, alle prese con un piccolo problema fisico, e sceglie Van De Vyver in palleggio, Turlea opposto, Vanzurova e Perinelli in banda, Calloni e Ninkovic centrali e Parrocchiale libero. Beltrami invece deve fare a meno di Folie per un fastidio al ginocchio, e la sostituisce con la fresca ex Floriana Bertone, rispondendo con Ferretti in palleggio, Diouf opposto, Horvath e Di Iulio schiacciatrici laterali, Heyrman e appunto Bertone al centro e Arcangeli libero.

Dopo un inizio equilibrato, la prima fuga è di Modena sul 9-6 con Diouf: Firenze è un po’ troppo fallosa in attacco e la Liu Jo ne approfitta per salire 13-8. Il gap rimane più o meno invariato fino al 20-16, quando Vannini inserisce Pietrelli per Vanzurova: qui due muri di Turlea e Ninkovic sembrano riaprire il parziale (20-18), ma Di Iulio e Heyrman con un primo tempo e un muro spengono le velleità de Il Bisonte (23-18) e ancora Heyrman chiude 25-20.

Il Bisonte continua ad attaccare con percentuali basse, e purtroppo anche nel secondo set la partenza è sfavorevole (6-2): sul 7-3 Vannini cambia la regia facendo esordire in A1 Mazzini per Van De Vyver, e Firenze prova a recuperare con Vanzurova e Perinelli (11-9), ma poi due punti consecutivi della ex Bertone ricreano il + 5 (14-9). Rientra Van de Vyver, poi anche Pietrelli per Vanzurova, ma l’emorragia prosegue e una Modena concentratissima e implacabile chiude con Heyrman (25-14).

Finalmente nel terzo la partenza è buona (1-3), ma poi il servizio di Bertone è indigeribile per la ricezione delle bisontine e sul 3-6 Vannini è costretta al time out: al rientro un primo tempo e una ace di Calloni valgono il 6-6, poi l’errore di Di Iulio e il muro di Ninkovic il primo vantaggio (6-8). Due ace di fila di Perinelli fanno ben sperare (10-12), ma quando Modena torna a difendere tutto e ad attaccare con alte percentuali la situazione si ribalta (19-15), e tutto il cuore de Il Bisonte non basta per rientrare, con Horvath che mette a terra il pallone del 25-20.

LE PAROLE DI FRANCESCA VANNINI – “A muro-difesa abbiamo giocato sicuramente bene, mentre il problema grosso è stato la finalizzazione dell’attacco, nel senso che abbiamo organizzato diverse occasioni ma poi non siamo mai stati capaci di fare punto e concludere le azioni. La differenza secondo me è stata questa: abbiamo affrontato una squadra che sicuramente in attacco è più forte di noi, ma se avessimo avuto il secondo tocco un po’ più decente saremmo stati più attaccati alla partita”.