Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Martedì 14 Febbraio 2017

Neanche il tempo di assimilare la straordinaria vittoria contro Novara, che per Il Bisonte Firenze è già l’ora di tornare in campo per il primo e unico turno infrasettimanale della stagione: domani alle 20.30 è in programma la trasferta del PalaResia di Bolzano contro il Sudtirol Bolzano, valida per la diciassettesima giornata della Samsung Gear Volley Cup di serie A1, e forse è anche un bene che non ci sia stato modo di cullarsi troppo sul terzo successo di fila in campionato, un evento storico per le bisontine. Tutto dimenticato, almeno per ora, e testa solo a una sfida altrettanto se non più importante rispetto all’ultima: Bolzano è una delle squadre della stessa fascia di valori di quella di Bracci, e quindi i punti in palio valgono doppio. Anche perché in classifica Il Bisonte e Sudtirol sono divise da solo due lunghezze, a favore delle altoatesine, e un successo pieno varrebbe il sorpasso, fondamentale per mettersi un’altra squadra alle spalle. Tra il dire e il fare però c’è di mezzo un Bolzano che sta facendo davvero un gran campionato: grazie a una squadra compatta e completa in ogni ruolo, coach Salvagni ha saputo creare un meccanismo che ha portato gioco e risultati, come dimostrano le recenti importanti vittorie contro Busto Arsizio e Club Italia. Sarà dura quindi per Firenze, che fra l’altro arriva all’appuntamento con un giorno di preparazione in meno rispetto al Sudtirol, che ha giocato sabato e che oltretutto ospiterà la sfida fra le proprie mura: coach Bracci comunque ha un gruppo in splendida forma, come si è visto soprattutto nel tie break contro Novara, e oggi la squadra partirà alla volta dell’Alto Adige con tutte le carte in mano per fare bene.

EX E PRECEDENTI – Sono due le ex della sfida: a Bolzano c’è Floriana Bertone, che con la maglia de Il Bisonte ha giocato tre stagioni, dal 2012 al 2015, due in A2 (con il doblete del 2014 promozione-coppa Italia di A2) e una in A1, mentre a Firenze c’è Vittoria Repice, protagonista col Sudtirol nell’annata 2014/15, anche lei con l’accoppiata promozione-coppa Italia di A2. Per quanto i riguarda i precedenti, fra A2 e A1 sono cinque, con quattro vittorie per Il Bisonte e una per Bolzano (ottenuta nella scorsa A1 proprio al PalaResia).

LE PAROLE DI MARCO BRACCI – “Bolzano è una squadra che sta facendo molto bene, ha recuperato tutte le giocatrici ed è al completo, quindi non sarà assolutamente facile: noi in più abbiamo giocato due giorni fa e dobbiamo affrontare il viaggio, mentre loro hanno un giorno in più di riposo avendo giocato sabato, ma lo dico come constatazione e non deve assolutamente essere un alibi. Anzi, noi dobbiamo andare a Bolzano con l’idea di portare a casa dei punti, come abbiamo sempre cercato di fare dall’inizio del girone di ritorno: mi aspetto una partita molto combattuta come contro Monza, con scambi molto lunghi, e quindi dovremo essere preparati a questo”.

LE AVVERSARIE – Il Sudtirol Bolzano di coach François Salvagni rispetto all’andata ha dato l’addio a due giocatrici, la schiacciatrice olandese Maret Grothues-Balkenstein e il martello serbo Bruna Ana Vrankovic (scesa in A2 a Palmi), mentre sono state ingaggiate l’attaccante ceka Tereza Rossi Matuszkova (classe 1982), nell’ultima stagione alla Pomì Casalmaggiore (dove ha vinto la Champions League) e poi inattiva fino a gennaio, e la schiacciatrice Matea Ikic, di ritorno in Alto Adige dopo le esperienze a Scandicci e in Romania, nel Targoviste, dove ha giocato fino a pochi giorni fa. Nessuna delle due dovrebbe però giocare nel probabile 6 + 1 titolare, composto da Giulia Pincerato (1987) in regia, dalla croata Sanja Popovic-Gamma (1984) come opposto, dall’americana Michelle Bartsch (1990) e da Valeria Papa (1989) in banda, dalla francese Christina Bauer (1988) e da Marina Zambelli (1990) al centro, e dal libero Eleonora Bruno (1994).