Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sabato 10 Giugno 2017

@photo Gabriele Sturaro

Prosegue sotto il segno dei grandi nomi il mercato in entrata de Il Bisonte Firenze: il quarto rinforzo per la serie A1 2017/18 è la schiacciatrice Chiara Di Iulio, che dopo un anno di inattività per maternità (la piccola Martina è nata nello scorso marzo), ha deciso di tornare ad allenarsi e a giocare, e per farlo ha scelto proprio Il Bisonte. La trentaduenne abruzzese, grande esempio di precocità agonistica avendo debuttato in A2 a 14 anni e in A1 a 16, arriva per dare ancora più sostanza al reparto delle attaccanti-ricevitrici, dove va ad aggiungersi a Daly Santana e a Giulia Pietrelli: Marco Bracci potrà contare su una giocatrice che ha ormai un’esperienza quasi ventennale fra serie A1 e A2, che ha una grande voglia di ripartire e a cui ovviamente non mancano doti tecniche e carisma, visto che è spesso stata il capitano delle squadre in cui ha giocato.

LA CARRIERA – Chiara Di Iulio nasce il 5 maggio 1985 ad Avezzano, e muove i primi passi nella pallavolo con il Marruviana Volley: nel 1999 si trasferisce al Tortoreto, in A2, e debutta nel professionismo a soli 14 anni, mentre l’anno dopo scende in B2 con il Montesilvano. Nell’estate del 2001 viene ingaggiata dalla Metodo Minetti Vicenza, dove esordisce in A1 a poco più di 16 anni, ma a dicembre scende di nuovo in A2 con Padova, squadra in cui rimane (sempre in A2), fino al 2003. Qui Chiara fa il suo primo salto di qualità, firmando con la Despar Perugia, con la quale in tre stagioni vince uno scudetto, una Champions League, una Coppa Cev, una Coppa Italia e una Coppa di Lega, e nel frattempo debutta anche in nazionale, conquistando il bronzo con l’Italia ai Giochi del Mediterraneo del 2005: nel 2006 passa a Pesaro, in A1, vincendo subito la Supercoppa Italiana, l’anno dopo a Forlì, sempre nella massima categoria, poi nel 2008 scende a Nocera Umbra, in A2, mentre l’anno successivo torna in A1 a Urbino, dove rimane due stagioni vincendo la sua seconda Coppa Cev nel 2011, da MVP. In estate passa alla Foppapedretti Bergamo, squadra in cui gioca per due annate vincendo una Supercoppa Italiana, poi nel 2013, dopo aver vinto l’oro con l’Italia ai Giochi del Mediterraneo, tenta la sua prima esperienza all'esterno trasferendosi in Azerbaigian, all’Azeryol Baku, ma nel 2014 torna in Italia, a Piacenza, conquistando la sua terza Supercoppa Italiana. L’anno successivo passa alla Liu Jo Modena, sempre in A1, mentre nel 2016 si prende un anno di stop per la maternità, per poi firmare per Il Bisonte.

LE PAROLE DI CHIARA DI IULIO - “Il fatto di ricominciare a giocare a pallavolo viene da sé dopo quest’anno in cui mi è capitata una cosa spettacolare come quella di avere una figlia. Sono contentissima di ripartire, a maggior ragione da Il Bisonte che mi ha cercato e mi ha voluto fortemente: mi hanno parlato molto bene dell’ambiente, e questa è una cosa fondamentale. A livello di obiettivi penso sempre a un passetto alla volta, perché sono molto realista, anche se sono convinta che si possano fare grandi cose: intanto mi rimetterò a lavorare per conto mio per ritrovare un po’ di forma prima di cominciare la preparazione, poi gli obiettivi verranno da sé”.