Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Martedì 2 Aprile 2019

@photo Maurizio Lollini

La regular season della Samsung Volley Cup di serie A1 si è conclusa con la ventiseiesima giornata, e le statistiche finali di squadra dicono che Il Bisonte Firenze ha chiuso al decimo posto per numero di ace (80), in una classifica vinta da Monza con 147, al sesto per numero di muri vincenti (202), in una graduatoria vinta da Scandicci con 240, e al terzo a livello di percentuale di ricezioni perfette (41,9%), in una classifica vinta da Monza col 47,3%. A livello individuale Louisa Lippmann è risultata la giocatrice più prolifica de Il Bisonte con 406 punti, quarta in una classifica generale vinta da Paola Egonu di Novara (522), davanti a Isabelle Haak di Scandicci, seconda con 463, e a Lise Van Hecke di Cuneo, terza con 429. La seconda realizzatrice fra le bisontine è stata Indre Sorokaite, diciottesima con 267 punti, mentre la centrale più prolifica di Firenze è stata Sara Alberti, quarantunesima generale con 187 nonchè ottava 'cannoniera' nel suo ruolo in una classifica vinta da Rachael Alexis Adams di Monza con 244, davanti a Rossella Olivotto di Bergamo, seconda con 229, e a Agnieszka Kąkolewska di Casalmaggiore, terza con 212. Agnieszka Kąkolewska di Casalmaggiore si è invece aggiudicata la classifica generale dei muri vincenti con 69, con Sara Alberti sesta con 55 e prima de Il Bisonte, mentre Micha Danielle Hancock di Monza è risultata prima nella speciale graduatoria degli ace con 41, con Alice Degradi ventitreesima con 18 e prima di Firenze, e Chiara Arcangeli di Monza ha chiuso prima a livello di percentuale di ricezioni perfette (59,1%), con Daly Santana quarta col 52,1% e prima fra le bisontine. A livello di coppie di centrali, quella de Il Bisonte (Alberti e Popović) ha chiuso al sesto posto per punti realizzati (348), in una classifica vinta da quella di Bergamo (Olivotto-Tapp) con 387, davanti quella di Novara (Veljkovic-Chirichella), seconda con 381, e a quella di Monza (Adams-Melandri), terza con 380.