Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Giovedì 16 Novembre 2017

Il quarto ko di fila non ha demoralizzato Il Bisonte Firenze: la classifica, al di là delle prime quattro, è ancora corta, e la squadra ha dimostrato di avere le potenzialità per potersela giocare con tutti gli avversari. Già da martedì intanto Marco Bracci sta lavorando in palestra con il suo gruppo per preparare il prossimo impegno, che sarà quello di domenica alle 17 al Mandela Forum contro la Pomì Casalmaggiore.

Intanto, dopo la quinta giornata di serie A1, le statistiche di squadra dicono che Il Bisonte Firenze è ottavo per numero di ace (14), in una classifica guidata da Scandicci con 29, e dodicesimo e ultimo per numero di muri (36), in una classifica guidata da Scandicci con 54. A livello individuale Indre Sorokaite è la giocatrice più prolifica de Il Bisonte con 100 punti, quarta in una classifica generale guidata da Paola Egonu di Novara (118), davanti a Michelle Bartsch di Busto Arsizio, seconda con 104, e a Isabelle Haak di Scandicci, terza con 103. La seconda realizzatrice fra le bisontine è Valentina Tirozzi, quindicesima con 65 punti, mentre la centrale più prolifica di Firenze è Hannah Tapp, cinquantunesima generale con 29 punti nonchè quindicesima 'cannoniera' nel suo ruolo in una classifica guidata da Laura Heyrman di Modena con 58, seguita da Federica Stufi di Busto Arsizio, seconda con 54, e da Tori Dixon di Monza, terza con 50. Adenizia Ferreira Da Silva di Scandicci e Jaroslava Pencova di Legnano sono invece in testa a pari merito alla classifica generale dei muri vincenti con 18, con Hannah Tapp che è ventiduesima con 7 e prima delle bisontine, mentre Isabelle Haak di Scandicci è prima nella speciale classifica degli ace con 10, con Indre Sorokaite e Valentina Tirozzi dodicesime a pari merito con 4 e prime de Il Bisonte. A livello di coppie di centrali, quella de Il Bisonte (Tapp e Alberti) è all'undicesimo posto per punti realizzati (45), in una graduatoria guidata da quella di Busto Arsizio (Stufi-Berti) con 91, davanti a quella di Pesaro (Aelbrecht-Olivotto), seconda con 85, e a quella di Monza (Dixon-Devetag) terza con 81.