Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sabato 14 Dicembre 2013

Adesso viene il bello, ma anche il difficile. Perchè Il Bisonte San Casciano deve cominciare a misurare le sue ambizioni con le big del campionato. Le prime sei giornate hanno detto che le azzurrine sono in testa alla classifica con Monza e Montichiari, ma da domani fino alla fine del girone d'andata dovranno affrontare le formazioni più forti del lotto, comprese le due co-capoliste, in un tour de force di cinque partite davvero terribile. La prima avversaria è la Riso Scotti Pavia, sesta in classifica con nove punti: si gioca domani alle 18, al PalaRavizza, e quello di coach Braia è un sestetto davvero molto forte, che forse ha raccolto finora un po' meno di quanto meritasse, anche se nell'ultima giornata è andato vicino a battere Monza, cedendo solo al quinto set. Le pavesi hanno già disputato quattro tie break, e forse anche per questo eccellono in molte statistiche: da tenere d'occhio in particolare la forza a muro, sia di squadra (prima con 74, più di 12 di media a partita), che individuale, con la centrale Devetag che sta giocando in maniera mostruosa, essendo la migliore nel suo ruolo a livello di punti (91) e in generale a livello di muri (35, quasi sei a partita di media). E poi c'è l'opposto Frackowiak, che finora è la top scorer della A2 con 122 punti, sette in più dell'azzurrina Elena Koleva, che fra l'altro domani sarà premiata in campo come migliore realizzatrice dell’A2 della passata stagione. Insomma, la sfida si preannuncia davvero bellissima, perchè Il Bisonte, oltre alla bulgara, può opporre a Pavia anche la miglior coppia di centrali a livello di punti realizzati finora, quella formata da Bertone e Mastrodicasa (130 in due). In più Francesca Vannini ha tutto il gruppo a disposizione, un gruppo agguerrito e col morale sufficientemente alto per provare a prolungare la striscia di cinque vittorie consecutive. La partita di domani verrà trasmessa in differita su RaiSport2 mercoledì sera alle 22.30.

LE PAROLE DI FRANCESCA VANNINI – “In settimana abbiamo lavorato bene, ma ci aspetta una partita difficile, perché il valore delle giocatrici avversarie è alto, e i nove punti che hanno raccolto in classifica sono forse un po’ pochi rispetto alle qualità che Pavia ha espresso. E non sto parlando solo di Devetag e Frackowiak, che sono molto forti: tralasciare le altre sarebbe riduttivo. La Riso Scotti è molto forte a muro e in attacco, ma in generale non ha grossi punti deboli e probabilmente è più competitiva rispetto a tutte le altre squadre che abbiamo affrontato finora. Il campionato però ci sta insegnando che tutte le domeniche presentano delle insidie: noi dobbiamo salire un altro gradino, e cercare di far bene senza guardare la classifica”.

LE AVVERSARIE – La Riso Scotti Pavia è una delle squadre già affrontate l'anno scorso da Il Bisonte, e alla sua guida c'è il confermato tecnico Rosario Braia. Sono reduci dall'ultima stagione anche tre giocatrici del sestetto titolare: la palleggiatrice Serena Masino, la schiacciatrice olandese Kim Renkema e il libero Celeste Poma. Nuove invece le altre quattro, a partire dall'opposto, la polacca Joanna Frackowiak (classe 1986), reduce dall'esperienza in patria al Bielsko Biala dopo il debutto in Italia a Volta Mantovana, nell'A2 2009/10. Le due centrali sono Francesca Devetag (1986), proveniente da Bergamo, in A1, e Sara Giuliodori (1983), protagonista della promozione in A1 di Novara nella scorsa stagione, mentre l'altra banda è Francesca Moretti (1985), l'ultimo anno a Soverato (A2).