Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Domenica 11 Ottobre 2015

IL BISONTE FIRENZE 3

OBIETTIVO RISARCIMENTO VICENZA 2

 

IL BISONTE FIRENZE: Perinelli 17, Ninkovic 7, Mazzini, Turlea 21, Negrini ne, Van De Vyver 5, Parrocchiale (L), Vanzurova 19, Pietrelli, Calloni 14, Martinuzzo 1. All. Vannini.

OBIETTIVO RISARCIMENTO VICENZA: Goliat ne, Kitipova Petrova 7, Lanzini (L2), Cella 13, Popovic 11, Drpa 13, Partenio 17, Busa 5, Pastorello, Wilson 11, Prandi 1, Bisconti (L1). All. Rossetto.

Parziali: 25-22, 18-25, 25-21, 21-25, 15-9.

Quale modo migliore di avvicinarsi sempre di più all’inizio del campionato se non portandosi a casa l’ultimo trofeo della preseason? Il Bisonte Firenze si è aggiudicato la trentunesima edizione del prestigioso torneo internazionale Sanremo Volley Cup - Memorial Dado Tessitore, e lo ha fatto prendendosi la rivincita in finale con la Obiettivo Risarcimento Vicenza, che aveva battuto le bisontine nel primo incontro della manifestazione, venerdì sera, con un netto 3-0. La vittoria di ieri in semifinale per 3-0 contro le russe del Proton Balakovo ha però fatto capire che forse quel ko era stato solo un episodio, e la riprova è arrivata proprio stasera: la neopromossa Vicenza si è confermata un’avversaria di primo livello, destinata a giocare un campionato di A1 da protagonista e a dare fastidio a molte big, ma la squadra di Francesca Vannini è riuscita ad imporsi al tie break, al termine di una partita dura e bellissima, che ha dato indicazioni importanti all’allenatrice non solo dal punto di vista tecnico e dell’intesa fra le giocatrici in campo, ma anche da quello della condizione, perché Il Bisonte è arrivato con ancora tante cartucce al quinto e decisivo set, e questo è un buon segno in vista del debutto nella A1 2015/16, in programma domenica prossima a Modena. Fra l’altro, a margine della finale giocata nell’impianto di Villa Ormond a Sanremo, Carmen Turlea si è aggiudicata il premio come best scorer della finale (21 punti), Beatrice Parrocchiale quello come miglior libero, Tereza Vanzurova quello come best service (oggi 2 ace dopo i 6 della semifinale ma anche il 65% in attacco e 19 punti totali) e capitan Raffa Calloni la Targa Memorial Agostino Reggiani come mvp del torneo (14 punti con 4 muri in finale).

LA PARTITA - Francesca Vannini ha tenuto a riposo precauzionale Chiara Negrini, uscita con qualche acciacco dalla semifinale, e al suo posto in banda ha schierato, insieme a Vanzurova, una Elena Perinelli che ha sfruttato alla grande l’occasione (17 punti), confermando poi Ninkovic e Calloni al centro, Van De Vyver e Turlea nella diagonale palleggiatrice-opposto e Parrocchiale libero. Rispetto a venerdì, Il Bisonte è apparso subito molto più concentrato e determinato, portando a casa il primo set per 25-22, poi Vicenza ha cominciato a battere bene mettendo in difficoltà la ricezione di Firenze e aggiudicandosi il secondo per 18-25. Nel terzo set le bisontine hanno reagito bene (25-21), accusando poi un calo nel quarto (21-25), ma nel tie break non c’è stata storia, con Il Bisonte che ha chiuso 15-9 trascinato da una Ninkovic che ha dato il meglio proprio nel set finale.

LE PAROLE DI DUCCIO RIPASARTI – “Siamo davvero molto contenti di questa vittoria: la partita è stata molto lottata, ma rispetto a due giorni fa abbiamo servito molto meglio ed è cresciuta tutta la squadra. Abbiamo giocato bene, con alti e bassi come è normale che sia a questo punto della stagione, ma mi è piaciuta la bella prova in difesa, oltre al fatto che abbiamo tenuto in ricezione e siamo stati precisi ed efficaci al servizio. Solo nel quarto set abbiamo rallentato un po’, ma poi siamo stati bravi a reagire, e questo è un buon segno per il campionato”.