Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

Sabato 26 Aprile 2014

Finalmente ci siamo. Le due settimane di pausa seguite al termine della regular season sono finite, e domani si torna in campo per le partite che contano davvero, quelle che assegnano un altro posto in A1 dopo la promozione diretta di Montichiari. Il Bisonte San Casciano arriva a questi play off con la migliore posizione di partenza possibile: il secondo posto nella Master Group Sport Volley Cup ha assegnato la testa di serie numero uno alle azzurrine, che avranno il vantaggio di poter giocare l'eventuale bella in casa sia in questa serie di semifinale che in quella dell'eventuale finale. La sorte invece ha assegnato come avversaria la Savino Del Bene Scandicci, uscita nettamente vincente dal quarto di finale contro Pavia, per un derby tutto fiorentino che ormai sta diventando una classica del volley toscano e adesso anche nazionale. Probabilmente però per la prima volta questa partita vale qualcosa di così importante come una finale per la promozione in A1: per certi versi anche il precedente del 2012 aveva una grande importanza, visto che era lo scontro fra la prima e la seconda della B1, e portandolo a casa Il Bisonte mise in cassaforte il salto di categoria, anche se dovette aspettare le giornate successive per la certezza matematica. L'attesa per questa serie è quindi spasmodica, e i tifosi non si sono fatti scoraggiare dallo spostamento di sede: il PalaMontopolo non è omologato per i play off, e allora già da domani alle 18 la squadra di Francesca Vannini farà il debutto nella sua nuova casa, il PalaParenti di Santa Croce. La prevendita procede bene, fra tifosi sancascianesi e scandiccesi gli spalti saranno quasi sicuramente pieni, e i Pellicani Feroci, che hanno già fatto un sopralluogo nell'impianto santacrocese, proveranno a trascinare la squadra verso un traguardo che coronerebbe una stagione già incredibile. Le azzurrine hanno svolto già diversi allenamenti al PalaParenti, e arrivano all'appuntamento di domani con la sola defezione di Floriana Bertone, che sarà sostituita da Silvia Giovannelli: l'imperativo è quello di dimenticare i precedenti favorevoli con la Savino Del Bene, e di non farsi condizionare, se non in positivo, dall'atmosfera del derby, per provare a portare a casa questa gara 1 e guadagnarsi subito un vantaggio in vista di gara 2, in programma giovedì 1 maggio a Scandicci.

LE PAROLE DI FRANCESCA VANNINI – “Queste due settimane di allenamento sono andate abbastanza bene, al di là di qualche acciacco fisico, e possiamo dire che il riposo ci è servito dopo che nel finale di regular season la stanchezza si era fatta sentire. La partita di domani però sarà difficile per tanti motivi, primo perchè ai play off ci arrivano le squadre migliori, secondo perchè i risultati precedenti contro Scandicci non contano niente: quella che abbiamo incontrato era una squadra diversa, e poi i play off sono diversi dal campionato e dalla Coppa Italia. Tutti dicono che in teoria partiamo favoriti, ma secondo me non è vero: domani sarà una battaglia, e se non la affrontiamo col giusto piglio rischiamo tanto. Spero che entreremo in campo con il coltello fra i denti, perchè probabilmente conterà più l'aspetto nervoso che quello tecnico e il gioco forse non sarà spumeggiante: siamo in ballo, giochiamocela fino in fondo con la serenità che ci ha sempre contraddistinto ma anche con tanta voglia di lottare”.

LE AVVERSARIE – La Savino Del Bene Scandicci di coach Marco Botti ha trovato un assetto ben preciso dopo l'arrivo dell'opposto olandese Deborah Van Daelen, classe 1989, nazionale del suo paese e reduce dal campionato tedesco giocato con lo Stoccarda: in diagonale con lei c'è l'ex azzurrina Fiamma Mazzini, con Marilyn Strobbe e Chiara Lapi centrali, Valentina Rania e Serena Moneta in banda e l'altra ex Silvia Lussana nel ruolo di libero.